Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The Fear Is What Keeps Us Here - Zao (Ferret)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Zao - The Fear Is What Keeps Us Here
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Ferret
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / metalcore /
Scheda autore: Zao



Farsi produrre da Steve Albini va ben oltre ad una scelta di trend. Anzi, se sei un gruppo mainstream, Ŕ la scelta per farti accettare dall'underground. Successe ai Nirvana, ci provarono i Bush. Capita quotidianamente all'ex Big Black di dover fare i conti su chi cerca l'Albini producer o l'Albini imperatore dell'underground.

Gli Zao sono una delle band di punta del metalcore. Con l'ultimo "The Funeral Of God" addirittura subirono un esposizione mediatica non indifferente. Fra il crescente interesse dei media nei confronti del metalcore (quello che i DRI facevano vent'anni fa e chiamavano "Crossover") e il gran parlare sulle band cristiane, gli Zao arrivarono ad un bivio: capitalizzare o buttarsi nella fogna.

Con la formazione ridotta all'osso entrano ai Reciprocal Studios di Steve Albini, attaccano gli strumenti e preparano un disco tiratissimo. Dimenticate la muscolaritÓ di "The Funeral Of God", in cui i nostri inspessirono la propria musica con testosterone. Qui siamo all'essenza. Una sola chitarra, voce grezza, e una serie di brani "in your face".

Certamente, l'album in questione pu˛ essere visto come un passo indietro rispetto alla maturitÓ raggiunta dal precedente. Basti pensare che in "The Fear Is What Keeps Us Here" non c'Ŕ una nuova "Psalm Of The City Of The Dead", apice di quello che Ŕ stato il vero superamento dell'hardcore.

Zao avevano bisogno di ricominciare, per l'ennesima volta. Addirittura abiurando certe caratteristiche del loro suono. Cercando ispirazione nel complesso mondo hardcore in cui convivono sia Neurosis che Dillinger Escape Plan che Converge.

"The Fear Is What Keeps Us Here" ci offre l'ennesima prova che amare gli Zao Ŕ amare una creatura viva, pulsante e disturbante nei propri errori.

Quante band offrono la propria vita nei solchi di un album?

[Dale P.]

Canzoni significative: Physician Heal Thyself, There Is No Such Thing As Paranoia, Purdy Young Blondes With Lobotomy Eyes.


Questa recensione Ú stata letta 3673 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


03/05/2009 Awake In Streaming
31/03/2009 Nuovo Brano Online
08/03/2009 La Tracklist di "Awake?"
09/02/2006 Il Titolo Dell'Album
17/01/2006 Con Steve Albini
10/11/2005 Prodotti da Steve Albini
02/07/2005 Stephen Peck lascia la band

tAXI dRIVER consiglia

Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Un-kind - Hurts To The CoreUn-kind
Hurts To The Core
 Brutal Rash
The Gyre
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta