´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Opera - Zeus! (Three One G)

Ultime recensioni

Black Road - Witch Of The FutureBlack Road
Witch Of The Future
Midnight - Rebirth By BlasphemyMidnight
Rebirth By Blasphemy
Nero Di Marte - ImmotoNero Di Marte
Immoto
Mortiis - Spirit Of RebellionMortiis
Spirit Of Rebellion
Bohren & Der Club Of Gore - Patchouli BlueBohren & Der Club Of Gore
Patchouli Blue
Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Calibro 35 - MomentumCalibro 35
Momentum
Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial

Zeus! - Opera
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2013
Produzione: Tommaso Colliva
Genere: rock / math / strumentale



In Italia esiste/va un folto gruppo di gruppi basso&batteria, ispirati dal sacro fuoco che vedeva ogni tanto calare in Italia band minimaliste e iper casiniste. Band suonavano con tecnica sbalorditiva ma usata per fare piu' rumore possibile anziche' per mostrare esercizi di tecnica. Potevano essere i Lighnting Bolt o i veterani Sabot o Hella, Locust, Arab On Radar, pian pianino in ogni regione di Italia nascevano spontaneamente gruppi con ingredienti e ispirazioni piu' o meno diverse ma accumunata da quella attitudine noise/hardcore facile da portare in giro e a proporre anche su un palco piccolo.

O senza palco.

Dopo tanti anni e' giunto il momento per i migliori di raccogliere qualcosa di piu': gli Zeus (formati da Luca Cavina al basso e Paolo Mongardi alla batteria) si presentano con il secondo album prodotto da quattro etichette tra cui svetta la mitica Three One G di Justin Pearson dei Locust, gran maestri del genere di cui sopra.

Masterizzato dal guru James Plotkin e registrato alle Officine Meccaniche, il disco e' una monumentale, appunto, opera di cut&paste devota alla violenza sonora in tutte le sue forme "metal". Dai Meshuggah al black metal dai Melvins ai nostri Zu (citati anche nel titolo "Giorgio Gaslini is our Tom Araya"). Ma cio' che rende gli Zeus straordinari e' il grande gusto di incollare queste idee deformate e rimangiate per creare dei brani persino orecchiabili. Riff ipercinetici, sbilenchi, contorti ma perennemente martellanti.

Un disco che si rivela molto di piu' di un gadget post concerto. Molto di piu'.

[Dale P.]

Canzoni significative: Lucy In The Sky With King Diamond, La Morte Young, Bach To the Future.


Questa recensione Ú stata letta 2945 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Zeus! - Zeus!Zeus!
Zeus!

NEWS


13/05/2011 Il Video di Grindmaster Flesh

tAXI dRIVER consiglia

Zeus! - OperaZeus!
Opera
Zeus! - Zeus!Zeus!
Zeus!