Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

200 Bpm - Znort (DEMO)

Ultime recensioni

Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging

Znort - 200 Bpm
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / metalcore /



Ecco a voi gli “Znort”, la band si propone al pubblico definendosi “Metal-Core”, ma credo che sia alquanto riduttivo.

Il loro ultimo lavoro “200 BPM” è semplicemente bello ed ascoltabile: subito l’attenzione viene catturata dal suono di chitarra martellante che ritma, a volte in modo un po’ asettico, sonorità “Vulgar”, e dalla voce che a differenza di molte altre ha qualcosa da dire e lo dice bene. La parte ritmica del gruppo è perfetta, forse troppo, in questo caso l’aggettivo “quadrata” potrebbe essere giusto per definirla correttamente, ma che dire di musicisti che non si perdono neanche un BPM. L’utilizzo della drum machine e la sperimentazione elettronica è sapientemente miscelata e non va ad attenuare l’impatto che scaturisce dalle dieci tracce del demo.

Sono sicuro che non sia preciso definire gli “Znort” la solita band Metal-Core, perché se tutti provassero ad esprimersi come loro, il pianeta MetalCore, sarebbe sicuramente più vivibile, e vissuto da band vere e non fittizie relegate ad accontentare un pubblico che ha abituato l’orecchio a cose vecchie ancor prima di essere incise.

E se la voce ogni tanto (ma poco) cantasse qualche bridge in melodico ? Chissà…..

[ADam]

Questa recensione é stata letta 3337 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Abel Is Dying - Promo 2k5Abel Is Dying
Promo 2k5
A Life Once Lost - A Great ArtistA Life Once Lost
A Great Artist
Throwdown - VendettaThrowdown
Vendetta
Since By Man - A Hate Love RelationshipSince By Man
A Hate Love Relationship
Znort - 200 BpmZnort
200 Bpm
 Brutal Rash
The Gyre
Zao - The Fear Is What Keeps Us HereZao
The Fear Is What Keeps Us Here
Nora - Save YourselfNora
Save Yourself
Sepultura - RoorbackSepultura
Roorback
A Life Once Lost - HunterA Life Once Lost
Hunter