Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Aquefrigide - Un Caso Isolato (Subsound)

Ultime recensioni

Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight

Aquefrigide - Un Caso Isolato
Titolo: Un Caso Isolato
Etichetta: Subsound
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / alternative / rock

Voto:



Curioso debutto per questo personaggio della scena romana, tale Bre Beskyt Dyrene, che col suo look decadente e trasgressivo rimanda inevitabilmente agli eccessi estetici del Reverendo Manson. Anche musicalmente parlando l'influenza del più famoso rocker si fa molto sentire; in realtà il sound di questo progetto è altrettanto debitore del Seattle sound di Nirvana e Alice in Chains. Considerando che Manson non offre al suo pubblico un disco interessante da diversi anni, e che dall'ascolto di questo 'caso isolato' emergono prepotentemente intenzioni sincere e sentite, viene spontaneo soprassedere sulle lacune di originalità di questo prodotto e abbandonarsi ad un ascolto scorrevole e in alcuni casi trascinante. Infatti i 15 brani di questo disco, mai eccessivamente lunghi, sono eseguiti, arrangiati e prodotti ottimamente, e tra potenti assalti e ballate drogate\ nichiliste si può trovare qualche piccola perla. Irresistibile il brano in apertura, 'Detesto', una cavalcata devastante che potrà spopolare tra le giovani leve. Interessante anche l'intermezzo di 'Vegetale', breve pezzo per voce e chitarra dai toni veramente remissivi e angosciati. Dyrene sbatte in faccia all' ascoltatore un male di vivere profondamente radicato, fatto di alienazione, delusioni affettive, morte e suicidio incombenti. Lo fa con tale urgenza e spregiudicatezza da coinvolgere anche il più cinico dei trentenni. Purtroppo permane una fastidiosa sensazione di 'già sentito', e la certezza che qualche piccola ingenuità poteva essere evitata (questo in grande contrasto con alcuni arrangiamenti molto 'adulti', supportati da un'ottima tecnica). Insomma stiamo parlando di un buon comunicatore con mezzi espressivi ancora troppo derivativi. Consigliatissimo comunque ai fan dei mostri sacri citati in apertura.

[Morgan]

Canzoni significative: Detesto, Vegetale, Paralisi anemica, Carne cruda


Questa recensione é stata letta 5502 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dream Widow - Dream WidowDream Widow
Dream Widow
Mastodon - Lifesblood EPMastodon
Lifesblood EP
Mastodon - RemissionMastodon
Remission
Poundhound - Massive GroovesPoundhound
Massive Grooves
Melvins - Nude With BootsMelvins
Nude With Boots
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
Kvelertak - KvelertakKvelertak
Kvelertak
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Mastodon - LeviathanMastodon
Leviathan