Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Dust Moth - Rising // Sailing (A Thousand Arms)

Ultime recensioni

Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow

Dust Moth - Rising // Sailing
Autore: Dust Moth
Titolo: Rising // Sailing
Anno: 2021
Produzione: Matt Bayles
Genere: rock / alternative / post-rock

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Rising // Sailing





Ryan Frederiksen era il chitarrista dei leggendari These Arms Are Snakes, band che vedeva tra le sue fila anche membri dei Botch. Poi lo troviamo nei Narrows, titolari di un paio di ottimi dischi pubblicati da Deathwish. Il suo nuovo progetto si chiama Dust Moth e lo affiancano musicisti del giro post-hardcore di Seattle, tra cui la cantante Irene Barber dei Eighteen Individual Eyes che probabilmente avete ascoltato in un disco dei Minus The Bear. Ok, ora che abbiamo citato tutti i nomi della scena, e fatto cadere qualche lacrimuccia, vi aspetterete un album heavy frastagliato. E invece Ryan ci propone 8 brani (per circa 40 minuti) di sognante dream-pop con qualche parte vagamente heavy.

L'iniziale "Annular Eclipse" parte come un disco degli Isis (il suono di Matt Bayles è riconoscibilissimo) ma poi devia su atmosfere più "romantiche", a cavallo fra shoegaze, dream pop e post rock. La successiva "Everything Anew" suona più aggressiva ma allo stesso tempo non teme di mostrare suoni sintetici psichedelici. "How To Sleep" è decisamente rilassata e può ricordare certe atmosfere oniriche care ai Deftones. La band di Chino Moreno è una delle influenze sotterranee dei Dust Moth (palesate anche nella enfatica "Flinching") che sebbene non aspirino ad una carriera di successo come quella della band di Sacramento non rinunciano a curare sia il songwriting che la produzione (London Bridge Studio e Studio Litho vi dicono qualcosa?) .

"Rising // Sailing" è un piccolo gioiellino che saprà conquistare i cuori dei post-rockers più romantici.

[Dale P.]

Canzoni significative: Annular Eclipse, Everything Anew.

Questa recensione é stata letta 439 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Meat Puppets - Golden LiesMeat Puppets
Golden Lies
Saul Williams - The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardustSaul Williams
The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust
Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca
Dredg - El CieloDredg
El Cielo
Black Midi - SchlagenheimBlack Midi
Schlagenheim
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è
Lecrevisse - Le Piccole Foglie EPLecrevisse
Le Piccole Foglie EP
Sleater Kinney - The WoodsSleater Kinney
The Woods
Quinto Stato - Quinto StatoQuinto Stato
Quinto Stato
Melvins - TrilogyMelvins
Trilogy