Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

About A Son Soundtrack - AA.VV. (Barsuk)

Ultime recensioni

En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet

AA.VV. - About A Son Soundtrack
Voto:
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / alternative / grunge



Può sembrare superfluo parlare della colonna sonora di "About A Son", documentario su Kurt Cobain, ma in realtà offre gli stessi motivi di interesse che mi portarono ad amare i Nirvana oltre al consueto armamentario di dischi, grazie alla sensibilità di Kurt, così come di parecchi altri artisti dell'epoca passati di botto dall'underground al mainstream (vedi i Sonic Youth), di citare sempre e comunque i suoi padri ispiratori, facendoci scoprire un mondo variegato celato dietro ai semplici accordi di "Smells Like Teen Spirit".

Questa colonna sonora ce lo ricorda in parte, oscurando per esigenze di copione o, banalmente di diritti, molte altre chicche tratte dalle cassettine compilation del giovane Cobain.

Inframmezzato da brevi spezzoni parlati e aperto e chiuso da due brani inediti composti per il film da Steve Fisk e Benjamin Gibbard, questa raccolta racchiude il meglio dell'underground anni 80 unita al consueto classic rock che qualunque ragazzo nato negli Stati Uniti alla fine degli anni 60 non poteva non ascoltare.

Troviamo quindi Scratch Acid, Melvins, Mudhoney, Bad Brains, Butthole Surfers a rappresentare i gusti "weird", Vaselines, REM, Half Japanese per quelli pseudo pop, Arlo Guthrie, Creedence Clearwater Revival, Leadbelly, Iggy Pop, David Bowie e l'amico Mark Lanegan per quelli più classicamente rock.

Dispiace però ascoltare una compilation così maschilista quando un artista come Kurt ha sempre mostrato un forte legame con la scena femminista (non solo per il matrimonio con Courtney): L7, Bikini Kill, Hole, Babes In Toyland, Shonen Knife, Slits ci sarebbero entrate tranquillamente, così come , per altri motivi, Flipper, Beat Happening, Black Flag e Sonic Youth sono gravi mancanze.

Onore comunque all'operazione, che riesce comunque a non suonare banale, pur trattando un'icona universale come Kurt che dovrebbe (purtroppo) mettere d'accordo qualsiasi tipo di pubblico...

[Dale P.]

Canzoni significative: Graveyard, Eye Flys, Son Of A Gun.


Questa recensione é stata letta 2532 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Chelsea Wolfe - Birth Of ViolenceChelsea Wolfe
Birth Of Violence
White Stripes - ElephantWhite Stripes
Elephant
Andrew WK - I Get WetAndrew WK
I Get Wet
Tomahawk - Mit GasTomahawk
Mit Gas
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Mondo Generator - A Drug Problem That Never ExistedMondo Generator
A Drug Problem That Never Existed
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è
Tomahawk - TomahawkTomahawk
Tomahawk
Tre Allegri Ragazzi Morti - Le OriginiTre Allegri Ragazzi Morti
Le Origini
William Shatner - Has BeenWilliam Shatner
Has Been