Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

AA.VV. - Give The People What We Want (Sub Pop)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

AA.VV. - Give The People What We Want
Titolo: Give The People What We Want
Etichetta: Sub Pop
Anno: 2001
Produzione:
Genere: rock / tributo /

Voto:



Faccio una premessa. A me i Kinks non hanno mai detto niente. Ho ascoltato qualcosa ma non mi hanno mai fatto scattare la molla. Ho acquistato questa compilation per pochi semplici motivi: è firmata Sub Pop, ci sono i Mudhoney e i Fastbacks. Per me è un ottimo motivo per spendere 40mila lire (o l'equivalente in Euro) ma non so per quanti varrà lo stesso. Vi posso dire che questo è un classico tributo "minore" fatto da una casa discografica per far uscire la tipica compilation dei propri gruppi. L'unica differenza che, invece di fare canzoni proprie, i nostri si cimentano con cover dei Kinks. Gli apici del disco sono essenzialmente due: Mark Lanegan che si cimenta in una "Nothin In The World Can Stop Me Worryin' Bout That Girl" da applausi e i Mudhoney nella rockeggiante "Who Will Be The Nex In Line" riascoltata recentemente dai Queens Of The Stone Age. Per il resto il CD scorre via con interventi di C Average, Young Fresh Fellow, Fallouts, Murder City Devils, Love As Laughter, Fastbacks, Minus 5 e altri misconosciuti gruppi che eseguono le cover con dignità e poco più. Solo per fan.

[Dale P.]

Questa recensione é stata letta 2766 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - We Reach The Music Of The MelvinsAA.VV.
We Reach The Music Of The Melvins
AA.VV. - WeAA.VV.
We're A Happy Family
 AA.VV.
Non Più I Cadaveri Dei Soldati
AA.VV. - Alpha MotherfuckersAA.VV.
Alpha Motherfuckers
 AA.VV.
Vegetable Man Project
AA.VV. - Nativity In BlackAA.VV.
Nativity In Black