Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

No New York - AA.VV. (Antilles Records)

Ultime recensioni

Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On

AA.VV. - No New York
Voto:
Anno: 1978
Produzione:
Genere: rock / new wave / nowave



“No New York” è un gioiello dal valore inestimabile.

Un disco iconoclasta, dall’aspetto ruvido e multiforme, animato da un truce spirito dissacratorio. Questo è il Manifesto della No Wave (…uscito 61 anni dopo il “Manifesto Dada”…).

Nella seconda metà degli anni settanta, New York era diventata un Laboratorio di sperimentazione artistico-culturale. Nuove forme, nuove linguaggi, nuovi concetti, si mescolavano e si ridefinivano, con l’intento di graffiare la tradizione (e il suo peso ingombrante che condizionava irrimediabilmente il presente). Un movimento inverecondo quindi ,all’ insegna del sincretismo, che , guidato da una filosofia esistenziale di segno dadaista, ha suscitato un’ importante eco nei circuiti alternativi a venire.

La compilazione, che porta la firma del sempre acuto demiurgo Brain Eno, contiene composizioni dei Contortions di James Chance; dei DNA di Arto Lindsay; dei Teenage Jesus And The Jerks di Lydia Lunch (la reginetta perversa e maledetta di quella scena) e infine quelle dei meno noti Mars.

Questo affresco del degrado newyorchese è fatto di pennellate brusche e irregolari (con colori che vanno dal nero al grigio). Tutto è crudo, fatiscente, claustrofobico e irreparabile.

Cambiano le bands, ma il tessuto sonoro è sempre putrido e involontariamente “coerente” per tutta la durata di questo calvario. Su di esso si deposita la muffa espulsa dalle grida marce, disperate, parossistiche e corrosive dei quattro (anti)cantanti.

Peccato solo per la mancanza di Glenn Branca, un vero e proprio maestro ante litteram.

Chitarrista (e sperimentatore) geniale che nel 1981 firmerà “The Ascension”: uno degli episodi più shockanti e seminali di questa scena (basti pensare ai Sonic Youth e ad una buona parte del Rock alternativo noiseggiante post-nowave).

Tornando alla compilation, il folle e visionario James Chance sembra offrire la miglior prestazione (e per avvalorare questa tesi potremmo scomodare “Buy the Contortions”, il capolavoro uscito qualche mese dopo che ,per quanto mi riguarda, rappresenta ,insieme a “The Ascension” di Glenn Branca, lo zenit artistico della No Wave). Davvero formidabili i Contortions.

“No new York” sembra l’approdo più logico di quel percorso inaugurato nei tardi 60s dai primi due LP dei Velvet Underground e proseguito nella decade successiva da Lou Reed con il coraggioso “Metal Machine Music”: tutti questi album hanno scosso la tradizione dalle fondamenta e hanno definito un nuovo tipo di Rock, al contempo elitario e antiborghese.

“No New York” è un barattolo chiuso, costruito con un metallo avariato, che brulica di “suoni” sperimentali, asmatici, paranoici, atonali, claustrofobici, taglienti, avant-freejazz, noise e via discorrendo senza pietà.

In “No New york” si consuma la battaglia decisiva tra l’Io e l’Es, quella che decreta la vittoria violenta e irreversibile di quest’ultimo. Tutto il potere al Dadaismo! Almeno in ambito artistico….

[Dani Mani]

Canzoni significative: tutte


Questa recensione é stata letta 3444 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - No New YorkAA.VV.
No New York