Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

We Reach The Music Of The Melvins - AA.VV. (Fractured Trasmitter)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

AA.VV. - We Reach The Music Of The Melvins
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / tributo /



Erano mesi che sbavavo nell'attesa di questo tributo ai Melvins, senza dubbio il mio gruppo preferito. Ora però ho quasi paura ad ascoltarlo, terrorizzato da cosa possano aver fatto alle deliranti idee di King Buzzo e co.

I nomi coinvolti mi sbloccano e la scaletta mi fa sbavare copiosamente. Mare, Dillinger Escape Plan e Mastodon sono un trittico iniziale che sconvolgerebbe chiunque ma anche Strapping Young Lad, Pig Destroyer e High On Fire non scherzano.

In totale abbiamo ben 19 canzoni, comunque una miseria rispetto al gigantesco catalogo della band. Le note curiose sono dettate dalle collaborazioni: per esempio Isis con Agoraphobic Nosebleed che suonano la cupa e doom "Boris" e Strapping Young Lad, Mastodon e Fear Factory jammano in "Joan Of Arc" (sotto il monicker di Strapadon Factory).

Il disco si apre con un trip delirante dei Mare che destrutturano "Nightgoat", curiosa ma sarà skippata senza pietà nei successivi riascolti.

Assolutamente azzeccata risulta la scelta dei Dillinger Escape Plan di suonare "Honey Bucket" con i suoi stacchi vorticosi e ipercinetici, così come per i Mastodon cimentarsi con "The Bit".

Le band presenti in questo album scoprono le proprie carte suonando uguali ai Melvins e a sè stessi, dimostrando di aver "rubato" molto più del normale! Stupisce l'assenza di svariate band come Meshuggah (inizialmente annunciati) e Boris, Queens Of The Stone Age, Sunn O))) e, soprattutto, di tutta la scena stoner che tutto deve a Buzzo e co.

Non ci lamentiamo, le band comunque presenti sono tante e coprono parecchi generi: Strapping Young Lad, Eyehategod e Dog Fashion Disco non sono mai stati vicini come in questo album.

Un tributo doveroso, ma la speranza che sia il primo di una lunga serie: gli onori ai Melvins per tutto quello che hanno fatto per lo sviluppo della "musica moderna" non sono abbastanza.

Ovviamente, non c'è paragone con nessuna cover: gli originali sono e saranno sempre i migliori!

[Dale P.]

Canzoni significative: Honey Bucket, Bar X The Rockin M, Boris

Questa recensione é stata letta 2756 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

 AA.VV.
Non Più I Cadaveri Dei Soldati
AA.VV. - WeAA.VV.
We're A Happy Family
AA.VV. - Nativity In BlackAA.VV.
Nativity In Black
 AA.VV.
Vegetable Man Project
AA.VV. - Alpha MotherfuckersAA.VV.
Alpha Motherfuckers
AA.VV. - We Reach The Music Of The MelvinsAA.VV.
We Reach The Music Of The Melvins