Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

AA.VV. - Welcome To Meteor City (Meteor City)

Ultime recensioni

Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh

AA.VV. - Welcome To Meteor City
Titolo: Welcome To Meteor City
Anno: 1998
Produzione:
Genere: rock / stoner / psych

Voto:



Sono pochi i gruppi che possono permettersi di aver inventato un genere. I Kyuss sono uno di questi. Da una parte la chitarra liquida e satura di Josh Homme dall'altra la voce da sciamano di John Garcia. Dopo lo scioglimento tante sono state le band che hanno deciso di ripercorrere le loro orme. Naque cos una scena che partiva dagli U.S.A., passando per l'Argentina e arrivava fino alla Norvegia. Nessuno rimase immune a questa piccola grande rivoluzione (comunque sempre di un fenomeno underground si trattava). Nel 1998 la Meteorcity mise in commercio una compilation che pagava il tributo ai Kyuss gi dalla copertina. 17 band, 17 capolavori. Gi dall'iniziale Red Colony dei Sixty Watt Shaman sapevamo di non aver davanti una burla. La scena esisteva e scalciava! E' strano vedere certi nomi poi persi, altri diventati i primi della classe, altri mutati in qualcosa di diverso. E per suggellare la grandezza dell'operazione uno dei tanti gruppi di John Garcia: J.M.J. Come dire: fidatevi,questa gente ci s fare! Da segnalare la presenza di Fatso Jetson, Atomic Bitchwax, Demoncleaner, Goatsnake, Lowrider,Roadsaw, sHeavy, Celestial Season, Dozer e Natas. Un album fondamentale per sentire qualcosa che stava nascendo e che voleva urlare al mondo la sua presenza. Cercatelo tra le bancarelle e aquistatelo al volo!

[Dale P.]

Questa recensione stata letta 5582 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Atomic Bitchwax - The Local FuzzAtomic Bitchwax
The Local Fuzz
Om - God Is GoodOm
God Is Good
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Kyuss - Muchas Gracias - The BestKyuss
Muchas Gracias - The Best
Dozer - Beyond ColossalDozer
Beyond Colossal
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Kal-El - Dark MajestyKal-El
Dark Majesty
Queens Of The Stone Age - Q.O.T.S.A.Queens Of The Stone Age
Q.O.T.S.A.
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Fuzz - IIIFuzz
III