Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Admiral Backbarents - A Decade Of Harbour Control (DEMO)

Ultime recensioni

Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture
Blodet - Death MotherBlodet
Death Mother
Maggot Heart - HungerMaggot Heart
Hunger
Blood Incantation - Luminescent BridgeBlood Incantation
Luminescent Bridge
Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Kvelertak - EndlingKvelertak
Endling
Graveyard - 6Graveyard
6
Great Falls - Objects Without PainGreat Falls
Objects Without Pain
Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons

Admiral Backbarents - A Decade Of Harbour Control
Titolo: A Decade Of Harbour Control
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / wave /

Voto:



Trattasi di una giovane band che mi capitato di vedere sul palco pochi giorni fa, e che ha gentilmente offerto il proprio dischetto a tutti i presenti. Il sound di Backbarents debitore di due grandissime esperienze musicali: Joy division e Wire; il tutto per affonda le proprie radici nel punk rock immediato e schietto dei Ramones, il vero primo amore di Matteo, cantante e chitarrista nonch autore di tutto quanto. Se dal vivo mi sono sembrati approssimativi e un po' fragorosi, su cd diventano davvero godibili e interessanti. Canzoni ben scritte, un bel basso semplice a reggere melodie di chitarra ben intrecciate, una drum machine essenziale ma incalzante e mai fuori luogo. E' notevole il fatto che anche i suoni ricordano molto da vicino la stagione migliore della new wave inglese, quando i distorsori servivano poco o niente, e i cori facevano 'uuuuh'. Cinque canzoni per 18 minuti di musica fulminea e senza pretese, ma splendidamente genuina e per questo dannatamente lontana dalle nuove proposte modaiole di aspiranti neo-iancurtis (the killers, ferdinando e compagnia). E anche se la prima traccia sembra un plagio degli Interpol, scommetto che non voluto.

Contatti: admiral78@libero.it

[Morgan]


Questa recensione stata letta 2611 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Admiral Backbarents - A Decade Of Harbour ControlAdmiral Backbarents
A Decade Of Harbour Control