Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Open Fire - Alabama Thunderpussy (Relapse)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Alabama Thunderpussy - Open Fire
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / hard rock / stoner
Scheda autore: Alabama Thunderpussy

MP3: Void Of Harmony
Words Of The Dying Man


Sono ormai 10 anni che gli Alabama Thunderpussy portano avanti il loro progetto musicale. Rivelatisi nella prima ondata stoner, pubblicarono per la leggendaria Man's Ruin il granitico "Rise Again". Dopo una serie di album di culto e vari cambi di formazione sembra che per la band sia arrivato il tempo di passare all'incasso.

Il primo sostanziale cambiamento è l'arrivo di Kyle Thomas, noto cantante dei seminali Exhorder. Il suo avvicendarsi al microfono porta quindi la band ad assumere un atteggiamento decisamente più metal, testimoniato fin dalla epica copertina.

Nel 2007 gli Alabama Thunderpussy si inseriscono sulla scia di band come Mastodon e Birds Of Prey (non a caso tutte provenienti da Relapse) confezionando un bell'album ricco di animo sudista, soul e poesia uniti a sporcizia, fango e testosterone.

Un album adattissimo ai fan di tutto quello che proviene da New Orleans, in primis i Down a cui gli ATP inevitabilmente verranno associati, merito soprattutto del padre ispiratore Kyle da cui Phil Anselmo ha preso più di una vaga idea su come si canta.

""Open Fire" dimostra l'inizio di un periodo più maturo di una band che, probabilmente a causa del nome, in pochi presero sul serio. Una graditissima sorpresa e ci auguriamo sia una base di partenza per un radioso futuro!

[Dale P.]

Canzoni significative: The Beggar, Open Fire.


Questa recensione é stata letta 3508 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Black Label Society - 1919 EternalBlack Label Society
1919 Eternal
Black Sabbath - We Sold Our Soul For RockBlack Sabbath
We Sold Our Soul For Rock'n'Roll
Tony Iommi - The 1996 Dep SessionsTony Iommi
The 1996 Dep Sessions
Black Sabbath - ParanoidBlack Sabbath
Paranoid
Idle Hands - ManaIdle Hands
Mana
Ghost - Opus EponymousGhost
Opus Eponymous
Black Sabbath - Past LivesBlack Sabbath
Past Lives