´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Alexander Tucker - Dorwytch (Thrill Jockey)

Ultime recensioni

Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh

Alexander Tucker - Dorwytch
Titolo: Dorwytch
Etichetta: Thrill Jockey
Anno: 2011
Produzione: Daniel O'Sullivan
Genere: metal / drone / folk

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Pochi dubbi sul coefficiente artistico di Alexander Tucker, alchimista sonico che trasmuta la semplicita' della canzone folk in ricercati esempi di acoustic-rock di frontiera. Metabolizzata la recente collaborazione con la Decomposed Orchestra, con la quale ha generato l'eccelso e decadente "Grey Onion" per le "Latitudes Sessions" della Southern Records, il discorso del Tucker solista riparte da alcuni degli elementi presenti proprio in quelle tre tracce. Rimangono comunque delle costanti nel sound dell'artista anglosassone, ovvero le melodie tortuose ed affascinanti imbevute del suo timbro androgino e il consueto fingerpicking che si ramifica ed intreccia come in una gigantesca cesta di vimini. Le canzoni permangono salde su strutture semplici che si reiterano in nome di una profonda unita' di base.

Si diceva di nuovi elementi. e' della partita il batterista free-jazz Paul May che introduce un sostegno ritmico prima assente nel tessuto strumentale di Tucker. Cosi' l'ondeggiante "His Arms Has Grown Long", la minacciosa "Pearl Relics" e "Sill" (in cui il buon Alexander sfodera dei ghirigori vocali di pregevole fattura) viaggiano accompagnate da puntelli percussivi mai troppo complessi. Inoltre e' stata apportata una buona scrematura delle parti piu' drone-oriented (per il cui sfogo Tucker ha messo su gli eccellenti Imbogodom), che si intercettano in "Half Vast" e "Dark Rift/Black Road", ma nonostante cio' non si rinuncia ad atmosfere astrali ("God's Creature" e' una meraviglia che riverbera i Neurosis di "The Eye Of Every Storm") o agli stranianti tappeti del meta-blues di "Atomized". Ma e' restando fedele a se stesso che il compositore britannico fa breccia: il candore ed il fascino di "Skeletor Blues", "Red String", "Hose" e' immenso, queste sono litanie pastorali che ci proiettano lontani anni luce dai rumori invadenti e dai ritmi serrati della vita di tutti i giorni e aprono porte percettive che la quotidianita' tende a mantenere chiuse con forza.

Alexander Tucker confeziona quattordici istantanee di spoglia bellezza e compie un passo in avanti rispetto a "Portal", album che osannammo con merito tre anni fa. Ancora una prova di alta qualita', ancora note sulle quali abbandonarsi, queste sono l'arte e la poesia di un artista ora piu' che mai imprescindibile.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: His Arms Grown Long; Atomized; God's Creature; Skeletor Blues; Red String; Hose.

Questa recensione Ú stata letta 2476 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Alexander Tucker - Third MouthAlexander Tucker
Third Mouth

tAXI dRIVER consiglia

Lustmord - Songs Of Gods And DemonsLustmord
Songs Of Gods And Demons
Mamiffer - Mare DecendriiMamiffer
Mare Decendrii
Sunn O))) - 00 VoidSunn O)))
00 Void
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Sunn O))) - & Boris - AltarSunn O)))
& Boris - Altar
Khanate - Capture & ReleaseKhanate
Capture & Release
Mizmor - & Andrew Black - DialethiaMizmor
& Andrew Black - Dialethia