Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Dorwytch - Alexander Tucker (Thrill Jockey)

Ultime recensioni

Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On

Alexander Tucker - Dorwytch
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Thrill Jockey
Anno: 2011
Produzione: Daniel O'Sullivan
Genere: metal / drone / folk



Pochi dubbi sul coefficiente artistico di Alexander Tucker, alchimista sonico che trasmuta la semplicita' della canzone folk in ricercati esempi di acoustic-rock di frontiera. Metabolizzata la recente collaborazione con la Decomposed Orchestra, con la quale ha generato l'eccelso e decadente "Grey Onion" per le "Latitudes Sessions" della Southern Records, il discorso del Tucker solista riparte da alcuni degli elementi presenti proprio in quelle tre tracce. Rimangono comunque delle costanti nel sound dell'artista anglosassone, ovvero le melodie tortuose ed affascinanti imbevute del suo timbro androgino e il consueto fingerpicking che si ramifica ed intreccia come in una gigantesca cesta di vimini. Le canzoni permangono salde su strutture semplici che si reiterano in nome di una profonda unita' di base.

Si diceva di nuovi elementi. e' della partita il batterista free-jazz Paul May che introduce un sostegno ritmico prima assente nel tessuto strumentale di Tucker. Cosi' l'ondeggiante "His Arms Has Grown Long", la minacciosa "Pearl Relics" e "Sill" (in cui il buon Alexander sfodera dei ghirigori vocali di pregevole fattura) viaggiano accompagnate da puntelli percussivi mai troppo complessi. Inoltre e' stata apportata una buona scrematura delle parti piu' drone-oriented (per il cui sfogo Tucker ha messo su gli eccellenti Imbogodom), che si intercettano in "Half Vast" e "Dark Rift/Black Road", ma nonostante cio' non si rinuncia ad atmosfere astrali ("God's Creature" e' una meraviglia che riverbera i Neurosis di "The Eye Of Every Storm") o agli stranianti tappeti del meta-blues di "Atomized". Ma e' restando fedele a se stesso che il compositore britannico fa breccia: il candore ed il fascino di "Skeletor Blues", "Red String", "Hose" e' immenso, queste sono litanie pastorali che ci proiettano lontani anni luce dai rumori invadenti e dai ritmi serrati della vita di tutti i giorni e aprono porte percettive che la quotidianita' tende a mantenere chiuse con forza.

Alexander Tucker confeziona quattordici istantanee di spoglia bellezza e compie un passo in avanti rispetto a "Portal", album che osannammo con merito tre anni fa. Ancora una prova di alta qualita', ancora note sulle quali abbandonarsi, queste sono l'arte e la poesia di un artista ora piu' che mai imprescindibile.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: His Arms Grown Long; Atomized; God's Creature; Skeletor Blues; Red String; Hose.

Questa recensione é stata letta 2411 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Alexander Tucker - Third MouthAlexander Tucker
Third Mouth

tAXI dRIVER consiglia

Earth - Earth 2Earth
Earth 2
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
Dark Buddha Rising - MathreyataDark Buddha Rising
Mathreyata
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Mizmor - & Andrew Black - DialethiaMizmor
& Andrew Black - Dialethia
Boris - FloodBoris
Flood
Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Sunn O))) - Flight Of The BehemotSunn O)))
Flight Of The Behemot
ASVA - What You DonASVA
What You Don't Know Is Frontier