´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk alternative indie stoner experimental [ drone ] elettronica grunge

Dorwytch - Alexander Tucker (Thrill Jockey)


Alexander Tucker - Dorwytch
drone / folk / psych

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Voto utenti (235):

Etichetta: Thrill Jockey
Produzione: Daniel O'Sullivan
Anno: 2011




Pochi dubbi sul coefficiente artistico di Alexander Tucker, alchimista sonico che trasmuta la semplicita' della canzone folk in ricercati esempi di acoustic-rock di frontiera. Metabolizzata la recente collaborazione con la Decomposed Orchestra, con la quale ha generato l'eccelso e decadente "Grey Onion" per le "Latitudes Sessions" della Southern Records, il discorso del Tucker solista riparte da alcuni degli elementi presenti proprio in quelle tre tracce. Rimangono comunque delle costanti nel sound dell'artista anglosassone, ovvero le melodie tortuose ed affascinanti imbevute del suo timbro androgino e il consueto fingerpicking che si ramifica ed intreccia come in una gigantesca cesta di vimini. Le canzoni permangono salde su strutture semplici che si reiterano in nome di una profonda unita' di base.

Si diceva di nuovi elementi. e' della partita il batterista free-jazz Paul May che introduce un sostegno ritmico prima assente nel tessuto strumentale di Tucker. Cosi' l'ondeggiante "His Arms Has Grown Long", la minacciosa "Pearl Relics" e "Sill" (in cui il buon Alexander sfodera dei ghirigori vocali di pregevole fattura) viaggiano accompagnate da puntelli percussivi mai troppo complessi. Inoltre e' stata apportata una buona scrematura delle parti piu' drone-oriented (per il cui sfogo Tucker ha messo su gli eccellenti Imbogodom), che si intercettano in "Half Vast" e "Dark Rift/Black Road", ma nonostante cio' non si rinuncia ad atmosfere astrali ("God's Creature" e' una meraviglia che riverbera i Neurosis di "The Eye Of Every Storm") o agli stranianti tappeti del meta-blues di "Atomized". Ma e' restando fedele a se stesso che il compositore britannico fa breccia: il candore ed il fascino di "Skeletor Blues", "Red String", "Hose" e' immenso, queste sono litanie pastorali che ci proiettano lontani anni luce dai rumori invadenti e dai ritmi serrati della vita di tutti i giorni e aprono porte percettive che la quotidianita' tende a mantenere chiuse con forza.

Alexander Tucker confeziona quattordici istantanee di spoglia bellezza e compie un passo in avanti rispetto a "Portal", album che osannammo con merito tre anni fa. Ancora una prova di alta qualita', ancora note sulle quali abbandonarsi, queste sono l'arte e la poesia di un artista ora piu' che mai imprescindibile.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: His Arms Grown Long; Atomized; God's Creature; Skeletor Blues; Red String; Hose.

Vota Questo Disco:

Questa recensione Ú stata letta 2232 volte!


Altre Recensioni

Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Alexander Tucker - Third MouthAlexander Tucker
Third Mouth

tAXI dRIVER consiglia

Alexander Tucker - Third MouthAlexander Tucker
Third Mouth
Mamiffer - Mare DecendriiMamiffer
Mare Decendrii
Earth - Living In The Gleam Of An Unsheathed SwordEarth
Living In The Gleam Of An Unsheathed Sword
Alexander Tucker - DorwytchAlexander Tucker
Dorwytch
Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull
Earth - Hex Or Printing In The Infernal MethodEarth
Hex Or Printing In The Infernal Method
Boris - FloodBoris
Flood
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two