´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

God Is War - All Pigs Must Die (Southern Lord)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

All Pigs Must Die - God Is War
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Southern Lord
Anno: 2011
Produzione: Kurt Ballou
Genere: metal / hardcore / crust



Qui l'ignoranza regna sovrana. Ma anche la brutalita', che e' un ingrediente indispensabile per non far la figura dei ricopiatori senza cervice. Dietro All Pigs Must Die c'e' un grappolo di rispettabili signorini della scena metal-core statunitense: Ben Koller dei Converge, Matt Woods e Adam Wentworth dei Bloodhorse e Kevin Baker dei The Hope Conspiracy. Insomma, ceffi che la mamma non gradirebbe trovare in salotto di rientro dal te' con le amichette del circolo di tennis.

Marci come le esalazioni di un obitorio con l'impianto di refrigerazione guasto, gli All Pigs Must Die non si nascondono dietro un dito e sferrano attacchi a volto scoperto degni della migliore tradizione crust-death-core. Da "Death Dealer" in poi parte il massacro che ci si aspetta con riff truci che appartengono alla stirpe dei cresciuti a pane, sangue e Slayer, ma e' anche vero che di rado s'e' sentito parafrasare con una tale convinzione gli Entombed.

Micidiale la prima parte con "Hungry Wolf, Easy Prey", "Sacrosanct", "Sermon For The End" (coi Disfear dietro l'angolo) e la title-track, che striscia come una serpe nella sterpaglia. Quando gli APMD rallentano la marcia tirano fuori la depressione di "Death In My Wake" ed e' un gran bel farsi del male. Sulla lunga distanza pero' i quattro rimestano con ostinazione un unico schema di furia appestante e ritmiche tachicardiche che lenisce l'esaltazione iniziale. Ma, d'altra parte, pretendere acrobazie e voli pindarici a una musica cosi' genuina e dai modi risoluti e barbari e' un po' come chiedere a politici e banchieri di risanare l'impressionante montagna di merda in cui ci hanno cacciati: una cosa impossibile.

Quindi, ben vengano le cavalcate a rotta di collo che se ne fottono di cosa e' cool e di cosa-fa-vendere-i-dischi, soprattutto quando a chiudere e' una "Sadistic Vindicator", che flirta col post-core piu' oscuro e slabbrato prima di incendiarsi e cancellare ogni traccia umana nel raggio di diversi chilometri.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Sacrosanct, Sermon For The End, Death In My Wake, Sadistic Vindicator.

Questa recensione Ú stata letta 1318 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

The Secret - Solve Et CoagulaThe Secret
Solve Et Coagula