Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Schlagenheim - Black Midi (Rough Trade)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Black Midi - Schlagenheim
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Rough Trade
Anno: 2019
Produzione: Dan Carey
Genere: rock / alternative / indie
Scheda autore: Black Midi



Negli ultimi mesi in Inghilterra si è parlato molto dei Black Midi, giovanissimo quartetto iscritto alla The BRIT School for Performing Arts & Technology e che per il suo esordio ha strappato un contratto con la storica Rough Trade. Dopo alcuni singoli di avvicinamento il 21 Giugno è uscito "Schlagenheim" e siamo sicuri che lo troveremo in parecchie liste di fine anno e, perchè no, anche in quelle del meglio del decennio. Ma in cosa consiste tutto questo "hype"? La risposta semplice è che una band giovane con riferimenti così adulti inevitabilmente attira attenzione, curiosità e anche un supporto entusiasta da parte dei più anziani. Grazie alla loro apertura mentale e alla perizia tecnica riescono (furbescamente o meno non è chiaro) a mettere d'accordo tutti.

Quelli intorno ai 50 adoreranno i riferimenti a King Crimson, Pere Ubu, Talking Heads, This Heat, DNA, Mars, David Bowie, The Fall, Devo, Can, Kraftwerk; sembra di essere nel periodo più sperimentale ed ispirato del post-punk. Se i trenta/quarantenni alternativi troveranno tutto ciò poco appetibile allora ecco una spruzzata di Shellac, Jesus Lizard e Slint, ripescando un sound che si è rinfrescato di recente grazie agli Idles. Poi mettiamoci i bei visini puliti e l'energia tipicamente post adolescenziale e avrete il prodotto definitivo in grado di accontentare dai quindicenni ai sessantenni. Non male. All'appello però mancano ancora le canzoni, quelle che rendevano tutte le band citate poco sopra d'avanguardia (o come si diceva un tempo "art rock") e allo stesso tempo fruibili dal grande pubblico.

Diciamo quindi che "Schlagenheim" è un ottimo disco che arriva al pubblico per l'effetto sorpresa più che per la capacità di usare le proprie carte per creare qualcosa di bello. Il loro nozionismo non è tanto diverso da un virtuosismo in note: può piacere agli studiosi ma risultare indigesto a tutti gli altri. Fosse una tesi di laurea "Schlagenheim" guadagnerebbe un 110 e lode, ma essendo un disco lo promuovo con riserva.

[Dale P.]

Canzoni significative: 953, bmbmbm.

Questa recensione é stata letta 149 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Quinto Stato - Quinto StatoQuinto Stato
Quinto Stato
Lecrevisse - Le Piccole Foglie EPLecrevisse
Le Piccole Foglie EP
Stone Gossard - BayleafStone Gossard
Bayleaf
Meat Puppets - Golden LiesMeat Puppets
Golden Lies
AA.VV. - Mescal.itAA.VV.
Mescal.it
Love In Elevator - Venoma EPLove In Elevator
Venoma EP
Libertines, The - The LibertinesLibertines, The
The Libertines
Fiub - Brown StripesFiub
Brown Stripes
Jasminshock - 2monkeys Fighting For A BananaJasminshock
2monkeys Fighting For A Banana
Estra - A Conficcarsi in Carne DEstra
A Conficcarsi in Carne D'Amore