Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Schlagenheim - Black Midi (Rough Trade)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Black Midi - Schlagenheim
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Rough Trade
Anno: 2019
Produzione: Dan Carey
Genere: rock / alternative / indie
Scheda autore: Black Midi



Negli ultimi mesi in Inghilterra si è parlato molto dei Black Midi, giovanissimo quartetto iscritto alla The BRIT School for Performing Arts & Technology e che per il suo esordio ha strappato un contratto con la storica Rough Trade. Dopo alcuni singoli di avvicinamento il 21 Giugno è uscito "Schlagenheim" e siamo sicuri che lo troveremo in parecchie liste di fine anno e, perchè no, anche in quelle del meglio del decennio. Ma in cosa consiste tutto questo "hype"? La risposta semplice è che una band giovane con riferimenti così adulti inevitabilmente attira attenzione, curiosità e anche un supporto entusiasta da parte dei più anziani. Grazie alla loro apertura mentale e alla perizia tecnica riescono (furbescamente o meno non è chiaro) a mettere d'accordo tutti.

Quelli intorno ai 50 adoreranno i riferimenti a King Crimson, Pere Ubu, Talking Heads, This Heat, DNA, Mars, David Bowie, The Fall, Devo, Can, Kraftwerk; sembra di essere nel periodo più sperimentale ed ispirato del post-punk. Se i trenta/quarantenni alternativi troveranno tutto ciò poco appetibile allora ecco una spruzzata di Shellac, Jesus Lizard e Slint, ripescando un sound che si è rinfrescato di recente grazie agli Idles. Poi mettiamoci i bei visini puliti e l'energia tipicamente post adolescenziale e avrete il prodotto definitivo in grado di accontentare dai quindicenni ai sessantenni. Non male. All'appello però mancano ancora le canzoni, quelle che rendevano tutte le band citate poco sopra d'avanguardia (o come si diceva un tempo "art rock") e allo stesso tempo fruibili dal grande pubblico.

Diciamo quindi che "Schlagenheim" è un ottimo disco che arriva al pubblico per l'effetto sorpresa più che per la capacità di usare le proprie carte per creare qualcosa di bello. Il loro nozionismo non è tanto diverso da un virtuosismo in note: può piacere agli studiosi ma risultare indigesto a tutti gli altri. Fosse una tesi di laurea "Schlagenheim" guadagnerebbe un 110 e lode, ma essendo un disco lo promuovo con riserva.

[Dale P.]

Canzoni significative: 953, bmbmbm.

Questa recensione é stata letta 181 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Tasaday - In Attesa Nel LabirintoTasaday
In Attesa Nel Labirinto
Sleater Kinney - The WoodsSleater Kinney
The Woods
Estra - A Conficcarsi in Carne DEstra
A Conficcarsi in Carne D'Amore
Melvins - ElectroretardMelvins
Electroretard
Kim Gordon - No Home RecordKim Gordon
No Home Record
LetLet's Get Lost
...I Remember Yesterday When I Was Grey
Oceansize - FramesOceansize
Frames
White Stripes - Get Behind Me SatanWhite Stripes
Get Behind Me Satan
Giorgio Canali - Giorgio Canali & RossofuocoGiorgio Canali
Giorgio Canali & Rossofuoco