Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Taste The Sin - Black Tusk (Relapse)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Black Tusk - Taste The Sin
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2010
Produzione: Chris Adams
Genere: metal / sludge / alternative
Scheda autore: Black Tusk



I piu' attenti di voi gia' conosceranno i Black Tusk: un disco all'attivo e una manciata di split con Asg, Fight Amp, The Holy Mountain; grafiche curate da John Baizley dei Baroness; amici dei Kylesa e ora l'esordio su Relapse. Dimenticavo: vengono da Savannah.

La terra natale delle migliori band metal attualmente in circolazione colpisce ancora con il classico suono di ispirazione metal/hardcore/stoner. A tratti sembra di ascoltare i Kylesa, con cui condividono piu' di un elemento, ma nell'insieme e' la forza compatta del trio a vincere rispetto a soluzioni maggiormente progressive delle altre band. Un approccio piu' punk, certamente debitore dell'attitudine sludge di Weedeater, Crowbar, Eyehategod.

Un ottimo groove e alcune buone canzoni sono i punti forza di una band che non spicca ancora come i fratelli maggiori ma sicuramente sara' in grado di stupirci in futuro.

Ma per gli amanti del Savannah-metal rimane un acquisto obbligatorio.

[Dale P.]

Canzoni significative: The Crash, Red Eyes Black Skies.

Questa recensione Ú stata letta 2314 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


09/11/2014 Morto Jonathan Athon
10/09/2011 Nuovo Brano in Anteprima
30/11/2010 In Europa a Febbraio
06/11/2010 Remixati da RZA
07/07/2010 Video di Red Eyes Black Skies

tAXI dRIVER consiglia

Kylesa - To Walk A Middle CourseKylesa
To Walk A Middle Course
Fight Amp - Hungry For NothingFight Amp
Hungry For Nothing
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Down - III - Over The UnderDown
III - Over The Under
Mistress - The Glory Bitches Of DogheadMistress
The Glory Bitches Of Doghead
Firebreather - Under A Blood MoonFirebreather
Under A Blood Moon
Gersch, The - The GerschGersch, The
The Gersch
AA.VV. - Neurot Recordings IAA.VV.
Neurot Recordings I
Overmars - Affliction, Endocrine...VertigoOvermars
Affliction, Endocrine...Vertigo
Facedowninshit - Nothing Positive Only NegativeFacedowninshit
Nothing Positive Only Negative