´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Black Tusk - Taste The Sin (Relapse)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

Black Tusk - Taste The Sin
Autore: Black Tusk
Titolo: Taste The Sin
Etichetta: Relapse
Anno: 2010
Produzione: Chris Adams
Genere: metal / sludge / alternative

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




I piu' attenti di voi gia' conosceranno i Black Tusk: un disco all'attivo e una manciata di split con Asg, Fight Amp, The Holy Mountain; grafiche curate da John Baizley dei Baroness; amici dei Kylesa e ora l'esordio su Relapse. Dimenticavo: vengono da Savannah.

La terra natale delle migliori band metal attualmente in circolazione colpisce ancora con il classico suono di ispirazione metal/hardcore/stoner. A tratti sembra di ascoltare i Kylesa, con cui condividono piu' di un elemento, ma nell'insieme e' la forza compatta del trio a vincere rispetto a soluzioni maggiormente progressive delle altre band. Un approccio piu' punk, certamente debitore dell'attitudine sludge di Weedeater, Crowbar, Eyehategod.

Un ottimo groove e alcune buone canzoni sono i punti forza di una band che non spicca ancora come i fratelli maggiori ma sicuramente sara' in grado di stupirci in futuro.

Ma per gli amanti del Savannah-metal rimane un acquisto obbligatorio.

[Dale P.]

Canzoni significative: The Crash, Red Eyes Black Skies.

Questa recensione Ú stata letta 2430 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


09/11/2014 Morto Jonathan Athon
10/09/2011 Nuovo Brano in Anteprima
30/11/2010 In Europa a Febbraio
06/11/2010 Remixati da RZA
07/07/2010 Video di Red Eyes Black Skies

tAXI dRIVER consiglia

Rwake - RestRwake
Rest
Overmars - Affliction, Endocrine...VertigoOvermars
Affliction, Endocrine...Vertigo
Somnuri - Nefarous WaveSomnuri
Nefarous Wave
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point
Baroness - Red AlbumBaroness
Red Album
Keelhaul - Triumphant Return To ObscurityKeelhaul
Triumphant Return To Obscurity
Possessor - Damn The LightPossessor
Damn The Light
Floor - DoveFloor
Dove