Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental pop [ elettronica ]

Tunes 2011-2019 - Burial (Hyperdub)

Ultime recensioni

Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History
Black Magick SS - Rainbow NightsBlack Magick SS
Rainbow Nights
Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida

Burial - Tunes 2011-2019
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Hyperdub
Anno: 2019
Produzione: Burial
Genere: elettronica / dub / ambient
Scheda autore: Burial



Sono passati 15 anni da quando Burial esordì per la neonata etichetta Hyperdub e contribuì a cambiare le sorti della musica elettronica e della cosidetta dubstep. In tutti questi anni solo due sono i dischi a suo nome: l'omonimo del 2006 e "Untrue" del 2007, entrambi tra i dischi più significativi degli ultimi 20 anni.

Dal 2009 pubblica saltuariamente singoli, EP e collaborazioni (Massive Attack, Four Tet, Zomby, The Bug, Kode9) senza la pretesa di rivoluzionare quel sound tanto caratteristico che ha fatto scuola. Per festeggiare i 15 anni della carriera e della Hyperdub è uscita questa raccolta in doppio CD intitolata "Tunes 2011-2019" contenente i suoi singoli, ormai fuori catalogo e di difficile reperibilità nel formato originale a 12". La qualità è quasi sempre piuttosto alta e, stranamente, i brani sembrano funzionare meglio in un unico flusso piuttosto che pubblicati con il contagocce, segnale che un terzo disco di Burial sarebbe apprezzato quanto gli altri. Nell'attesa possiamo godere di 150 minuti di elettronica oscura e "bassa", riscoprire alcune gemme del passato e, magari, conoscere singoli che erano sfuggiti all'uscita. Un'operazione senza dubbio doverosa.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 89 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Zonal - WreckedZonal
Wrecked
Burial - Tunes 2011-2019Burial
Tunes 2011-2019