´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Buried Inside - Chronoclast (Relapse)

Ultime recensioni

Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time

Buried Inside - Chronoclast
Autore: Buried Inside
Titolo: Chronoclast
Etichetta: Relapse
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / progressive / post-hardcore

Voto:

MP3: Time As Abjection
Time As Ideology


Da quando premerete play avete un minuto e mezzo per godervi il silenzio. Poi avrete ancora un minuto circa di relax con un potente noise-doom e infine inizierÓ il delirio: una batteria alla Converge, chitarre ultradistorte e rumorosissime, urla disperate. Un suono che vi tramortirÓ per violenza e intensitÓ. La successiva "Time As Methodology" Ŕ un altro break strumentale per lasciare fiatare l'ascoltatore, in attesa della lunga (7 minuti) "Time As Surrogate Religion" vero e proprio capolavoro dell'album: capace di affascinare e sfiancare allo stesso tempo.

Il miglior pregio della band Ŕ quello di riuscire a creare una tensione fuori dal comune, per certi versi simile a quella che traspare in "Jane Doe" dei Converge (ma va da sŔ: non siamo a quei livelli!). Ascoltate "Time As Imperialism" in cui chitarre relativamente tranquille sposano alla perfezione la disperazione della voce in un ipotetico punto d'incontro fra Isis e Dillinger Escape Plan.

A metÓ album la band decide che Ŕ il momento di ricominciare da capo e stupisce con una nuova introduzione atmosferica ("Reintroduction") a cui Ŕ collegata un altro minuto di relax. E di nuovo inizia la furia ipercinetica con "Time As Abjection" e "Time As Commodity" per finire con la sfiancante "Time As Resistance" in cui le vostre orecchie chiederanno pietÓ ma voi non riuscirete a smettere di ascoltarla.

Un disco coraggioso nel suo sfuggire ai clichŔ del genere e nel suo unire le due anime pi¨ lontane del post-core (la violenza di Converge e DEP con la malinconia di Isis e Neurosis) in un unico suono violento e malinconico allo stesso tempo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Time As Resistance, Time As Surrogate Religion.

Questa recensione Ú stata letta 4116 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Ephel Duath - The Painters PaletteEphel Duath
The Painters Palette
Dysrhythmia - PretestDysrhythmia
Pretest
Meshuggah - Rare TraxMeshuggah
Rare Trax
Mass, The - Perfect Picture Of Wisdom And BoldnessMass, The
Perfect Picture Of Wisdom And Boldness
Intronaut - VoidIntronaut
Void
Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Meshuggah - IMeshuggah
I
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere