Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Chronoclast - Buried Inside (Relapse)

Ultime recensioni

AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death

Buried Inside - Chronoclast
Voto:
Etichetta: Relapse
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / progressive / post-hardcore
Scheda autore: Buried Inside

MP3: Time As Abjection
Time As Ideology


Da quando premerete play avete un minuto e mezzo per godervi il silenzio. Poi avrete ancora un minuto circa di relax con un potente noise-doom e infine inizierą il delirio: una batteria alla Converge, chitarre ultradistorte e rumorosissime, urla disperate. Un suono che vi tramortirą per violenza e intensitą. La successiva "Time As Methodology" č un altro break strumentale per lasciare fiatare l'ascoltatore, in attesa della lunga (7 minuti) "Time As Surrogate Religion" vero e proprio capolavoro dell'album: capace di affascinare e sfiancare allo stesso tempo.

Il miglior pregio della band č quello di riuscire a creare una tensione fuori dal comune, per certi versi simile a quella che traspare in "Jane Doe" dei Converge (ma va da sč: non siamo a quei livelli!). Ascoltate "Time As Imperialism" in cui chitarre relativamente tranquille sposano alla perfezione la disperazione della voce in un ipotetico punto d'incontro fra Isis e Dillinger Escape Plan.

A metą album la band decide che č il momento di ricominciare da capo e stupisce con una nuova introduzione atmosferica ("Reintroduction") a cui č collegata un altro minuto di relax. E di nuovo inizia la furia ipercinetica con "Time As Abjection" e "Time As Commodity" per finire con la sfiancante "Time As Resistance" in cui le vostre orecchie chiederanno pietą ma voi non riuscirete a smettere di ascoltarla.

Un disco coraggioso nel suo sfuggire ai clichč del genere e nel suo unire le due anime pił lontane del post-core (la violenza di Converge e DEP con la malinconia di Isis e Neurosis) in un unico suono violento e malinconico allo stesso tempo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Time As Resistance, Time As Surrogate Religion.

Questa recensione é stata letta 3898 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Meshuggah - Rare TraxMeshuggah
Rare Trax
Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Meshuggah - Contraddiction CollapseMeshuggah
Contraddiction Collapse
Yakuza - Of Seismic ConsequenceYakuza
Of Seismic Consequence
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Sadist - TribeSadist
Tribe
Meshuggah - IMeshuggah
I
Intronaut - VoidIntronaut
Void
Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Coprofago - Unorthodox Creative CriteriaCoprofago
Unorthodox Creative Criteria