Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve Center (Magnetic Eye)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve Center
Titolo: Glass Enclosed Nerve Center
Etichetta: Magnetic Eye
Anno: 2022
Produzione: J. Robbins
Genere: metal / progressive / alternative

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Glass Enclosed Nerve Center





Imprevedibilità. Con questa parola mi sento di riassumere l’essenza del quinto album del quartetto americano (e probabilmente anche di tutta la loro carriera musicale), attivo dal 2006; ennesima dimostrazione di una band capace di stupire divertendosi e fregandosene bellamente di qualsiasi volontà di essere inscatolati ed etichettati - dover scrivere “heavy rock” sulla propria bio basta e avanza, in questi casi, per non inciampare nel ginepraio dei post- e dei mille rigagnoli del prog e della musica sperimentale in generale. Una vera lezione di attitudine e libertà espressiva.

È possibile essere originali e freschi nel 2022? La risposta è “Caustic Casanova”.

Nelle cinque canzoni che compongono Glass Enclosed Nerve Center, uscito a ottobre per Magnetic Eye Records, troverete tutto ciò che si possa desiderare in ambito “rock alternativo”, da intendersi nella sua accezione più ampia.

Brani brevi, brani lunghi (o anche lunghissimi), assoli, sfuriate punk, dinamiche di ogni tipo, e poi riferimenti più o meno palesi a Yes, Voivod, Melvins, Soundgarden, At The Drive-In, King Crimson, oltre che a qualsiasi band possiate riconoscere in questo o quel riff, stoner rock, heavy metal, prog, funky, post-tutto, blast beats, melodie che non vi usciranno più dalla testa, feedback e distorsioni pesantissime ma anche passaggi dolci ed eterei, cowbell a volontà, tastiere qua e là, la bellissima voce di Stefanie Zaenker (anche abilissima dietro ai tamburi) a fare da contraltare a quella del bassista Francis Beringer, e la sensazione di assistere a qualcosa di sonicamente grandioso e unico.

Qualche esempio? L’incedere violento e minaccioso da vero “brano storto” degno dei migliori anni ‘90 di “Lodestar” viene subito ammorbidito, ma solo nel piglio allegro e fintamente scanzonato, dalla successiva “A bailar con cuarantena”, che nasconde una notevole complessità strumentale (il videoclip è da non perdere). Mille dinamiche, cambi di tempo e di umore, ma senza la pesantezza e la claustrofobia che, spesso, accompagnano album pretenziosamente più complicati.

Qui i cambi sono funzionali a creare un’offerta musicale sempre varia e intrigante, frutto certamente degli ascolti e dell’esperienza dei musicisti, e della voglia di mettersi continuamente in gioco. “Ascolto un po’ di tutto” - certamente i Caustic Casanova possono affermarlo senza suonare ridicoli.

Il culmine, ovviamente, è rappresentato dalla lunga “Bull Moose against the Sky”, messa come si confà in chiusura dell’album. 22 minuti e rotti in cui, come nella più genuina tradizione progressive (ahia, l’ho detto), troviamo davvero di tutto: intro con marcetta, intermezzi psichedelici dove la ripetitività alla Tool la fa da padrone, aperture trionfanti, blast beats, riferimenti alle altre canzoni dell’album, e una novità a ogni angolo.

Una band da seguire, gente che non si prende troppo sul serio ma che fa davvero sul serio, musicisti in evoluzione continua e capaci di regalare grandi emozioni a chi si voglia avvicinare al loro folle mondo con curiosità.

[Enrico Meloni]

Canzoni significative: A bailar con cuarantena, Bull Moose against the Sky.


Questa recensione é stata letta 615 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dreadnought - EmergenceDreadnought
Emergence
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Papangu - HolocenoPapangu
Holoceno
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
Dvne - Etemen ÆnkaDvne
Etemen Ænka
Intronaut - VoidIntronaut
Void
Meshuggah - Catch 33Meshuggah
Catch 33
Meshuggah - None EPMeshuggah
None EP
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within