Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Code Orange - Underneath (Roadrunner)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Code Orange - Underneath
Autore: Code Orange
Titolo: Underneath
Etichetta: Roadrunner
Anno: 2020
Produzione: Nick Raskulinecz
Genere: metal / elettronica / metalcore

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Vi ricordate quando il metal suonava cibernetico? Era la fine degli anni 90 e tanti pensavano che nel nuovo millennio chitarroni ed elettronica sarebbero andati a braccetto. La colonna sonora di Spawn (1997) fu un tentativo in parte riuscito di unire due mondi apparentemente distanti che all'epoca si erano avvicinati parecchio. Si parlava di metal alternativo (che poi sarebbe diventato "nu") ed elettronica rock, non certo di Manowar e Aphex Twin. I nomi dell'epoca erano Prodigy, Goldie, Atari Teenage Riot, Orbital in combutta con Korn, Filter, Incubus, Marilyn Manson. Se non la conoscete cercatela: è una cartolina di qualcosa che non si è più realizzato.

Facciamo un salto in avanti di più di 20 anni. Il metal e l'elettronica si sono separati nuovamente, raffinando la proposta e abiurando certe tamarrate che ai tempi erano accettate con piacere e che ora troviamo giusto nelle produzioni trap-metal tipo Ghostemane e Scarlxrd. In mezzo c'è la ormai dimenticata collaborazione fra Korn e Skrillex ("The Path Of Totality", 2011)

Tutta questa premessa per parlare di un disco di cui si è discusso tanto, sia in termini di capolavoro che di spazzatura. "Underneath" è il quarto album dei Code Orange ed il primo a divincolarsi con forza dalle loro origini post-hardcore/emo. Non c'è più Kurt Ballou al banco di regia e c'è tanta elettronica. Questo sposta il sound degli ex "Kids" in quel territorio "Spawn" di cui parlavo in apertura. Il risultato è meno estremo di un remix degli Slayer ma sempre piuttosto straniante, soprattutto ai primi ascolti. Più si lascia decantare il disco più viene fuori la qualità delle canzoni.

E se la band sembrava agli esordi la risposta "grunge" al metal alternativo ora si colloca esattamente nella fase successiva, quella che per comodità potremmo definire "industrial metal". Un po' Nine Inch Nails ("The Easy Way"), un po' Dillinger Escape Plan, un po' Fear Factory e tanti suonini glitch moderni. Un piatto che potrebbe suonarvi disgustoso o che amerete alla follia. Certamente un disco importante in un 2020 che più Cyberpunk non si poteva immaginare.

[Dale P.]

Canzoni significative: Sulfur Surrounding, Swallowing The Rabbit.


Questa recensione é stata letta 442 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ho99o9 - SkinHo99o9
Skin
AA.VV. - Spawn - The AlbumAA.VV.
Spawn - The Album