´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Colour Haze - Sacred (Elekrohasch)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Colour Haze - Sacred
Titolo: Sacred
Anno: 2022
Produzione: Stefan Koglek
Genere: rock / stoner / psych

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Sacred





Lavorando da anni nei negozi di dischi mi capita spesso di parlare con i clienti suggerendo dischi oscuri e di culto evitando i nomi "classici" perchŔ penso siano scontati. Se dovessi suggerire un gruppo metal non consiglierei di certo gli Iron Maiden o i Metallica, cosý come se dovessi suggerire una band stoner evito di nominare i Kyuss. O i Colour Haze che per me sono lo step successivo ai Kyuss, la band che pi¨ incarna quel sapore "jam" settantiano che deriva da Blue Cheer, Grateful Dead, Jimi Hendrix e Cream. Eppure i Colour Haze dopo 14 dischi e 25 e pi¨ anni di carriera Ŕ ancora ignorata ai pi¨, anche agli appassionati pi¨ attenti. E tutte le volte che uno "stoner" sgamato non li conosce mi infervoro a raccontargli cosa si Ŕ perso in tutti questi anni!!

Per fortuna in rete si trovano degli ottimi video dal vivo (ad esempio quelli al Duna Jam) ed Ŕ facile che qualcuno se ne innamori dopo che li ho nominati. In negozio ho quasi sempre una bella copia di "Tempel" per iniziare nel modo giusto la discografia e poi da lý Ŕ tutto semplice: non c'Ŕ pi¨ via di fuga. Un po' come scoprire i Motorpsycho.

Il quattordicesimo album della band di Stefan Koglek non si discosta dalla tipica formula "kraut-stoner", riconoscibile fin dai primi istanti grazie ad una timbrica unica e ad un incedere campestre mille volte imitato ma mai eguagliato dagli imitatori. "Sacred" Ŕ quindi l'ennesimo ottimo disco da aggiungere in collezione, piacevole come l'amico che ti viene a trovare ogni tanto portando delle buone birre e marijuana di qualitÓ da fumare in compagnia. Gli direste mai di no? E allora preparate il divano e le orecchie per 40 minuti di piacevole relax.

[Dale P.]

Canzoni significative: Turquoise, Ideologigi.


Questa recensione Ú stata letta 185 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


02/10/2011 Nuovo Brano in Anteprima

tAXI dRIVER consiglia

Queens Of The Stone Age - Q.O.T.S.A.Queens Of The Stone Age
Q.O.T.S.A.
Zippo - MaktubZippo
Maktub
ChŔ - Sounds Of LiberationChŔ
Sounds Of Liberation
Vortice Cremisi - PromoVortice Cremisi
Promo
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Rotor - 4Rotor
4
Danava - Hemisphere Of ShadowsDanava
Hemisphere Of Shadows
Om - God Is GoodOm
God Is Good
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity