´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Zippo - Maktub (Subsound)

Ultime recensioni

Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight

Zippo - Maktub
Titolo: Maktub
Etichetta: Subsound
Anno: 2011
Produzione: Victor Love
Genere: rock / stoner / progressive

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Il progetto Zippo nasce a Pescara e giunge alla line-up definitiva nell'estate del 2004 con l'ingresso del cantante Davide (Dave) Straccione. Il loro inizio e' pero' datato ottobre 2005 allorche' il quintetto entra in studio per il primo full lenght autoprodotto "Ode To Maximum". Il resto e' storia recente con la collaborazione della Subsound Records per l'ottimo "Road To Knowledge" di due anni fa.

Ora e' la volta di "Maktub", un lavoro ambizioso ancorche' intrigante e vorticoso, che necessita di parecchi ascolti prima di "entrarci" dentro soprattutto per chi era abituato alle precedenti sonorita', ma che probabilmente segna il passo definitivo della band.

Loro amano definirsi "stoner" anche se onestamente, come detto, questo nuovo album sembra un pochino allontanarsi da questa tendenza. Piuttosto possiamo parlare di un "crossover" a tutto tondo con aperture prog/folk decisamente particolari senza dimenticare tortuosi viaggi psichedelici. Questa inversione di attitudine la si nota sin dall'iniziale "The Personal Legend" dove i possenti riff vengono accompagnati dal basso distorto di Stonino, quasi in stile Korn. Korn quindi e non Kyuss come nelle precedenti uscite, ma anche Tool (ad esempio "The Omens"), System Of A Down in certi momenti e Mastodon nell'epicita' di alcuni passaggi prog. Lo stoner propriamente detto si e' ridotto alla potente "Man Of Theory", e non solo per la presenza vocale di Ben Ward degli Orange Goblin, all'esoterica "Simum" con il sax di Luca Mai degli Zu in evidenza e alla conclusiva "The Treasure", forse il brano migliore del disco.

La voce di Dave poi fa da contorno ad un riuscitissimo album, che speriamo possa finalmente avere il giusto merito anche all'interno dei nostri confini nazionali dato che all'estero il gruppo gode gia' di buona popolarita'.

Producono Victor Love e masterizza James Plotkin (Khanate, Sunn O))), Isis) e anche questo e' sinonimo di garanzia.

[Cristiano Roversi]

Canzoni significative: Man Of Theory, Simum, The Treasure.

Questa recensione Ú stata letta 3346 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

06/04/2012LondraDesert Fest London 2012

NEWS


07/03/2011 Nuovo Brano con Ben Ward degli Orange Goblin
01/03/2011 Nuovo Brano In Anteprima
23/02/2011 Maktub a Marzo

tAXI dRIVER consiglia

Fu Manchu - DaredevilFu Manchu
Daredevil
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Fuzz - IIIFuzz
III
Dead Meadow - Dead MeadowDead Meadow
Dead Meadow
Danava - Hemisphere Of ShadowsDanava
Hemisphere Of Shadows
Brant Bjork - JacoozziBrant Bjork
Jacoozzi
Vortice Cremisi - PromoVortice Cremisi
Promo
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
 Deadpeach
Promo EP
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions