´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Crown Fire - Conifer (Important)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Conifer - Crown Fire
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2008
Produzione:
Genere: metal / post-metal / post-hardcore



╚ davvero un peccato che i Conifer non abbiano condotto ad estreme conseguenze le ottime intuizioni contenute nell'eponimo esordio di quattro anni fa. I quattro di Portland si allontanano dalle continue mutazioni stilistiche del passato sintonizzandosi con maggiore precisione sulle frequenze di un heavy-post-rock che nulla regala a novitÓ sulle soluzioni. L'attacco di "Surface Fire" riporta alla mente i Pelican di "Australasia", tinteggiando qua e la l'aria con sprazzi di sludge-core vicini al fare dei Capricorns. Il medesimo copione viene ripreso nella successiva "Cruciform Impennage", che si schiude con un giro in crescendo che discende direttamente dal post-rock. La totale assenza di vocals, eccezion fatta per il lungo e malato spoken di Eugene Robinson (Oxbow) nella finale title-track (istantanea nella quale emerge palesemente la primigenia influenza doom), obbliga i Conifer a dover investire le sole trame strumentali del doppio compito emotivo-comunicativo che, paradossalmente in un momento secondario come l'intermezzo "History Of Disappointment" e nella earthiana "Breathe Hold", trova positivi risultati. Ci˛ porta ad una considerazione inevitabile, ovvero che nonostante gli sforzi riposti sulla creazione di strutture cangianti (che attingono, come oramai di consueto, alle nuove concezioni progressive e ne Ŕ un esempio lampante la lunga e ben concepita "Song For Krom" - intrisa di echi kraut-rock in mezzo), le parti pi¨ dure del disco risultano meno interessanti. Meno interessanti ma non scadenti, ben inteso. Avendo quindi molto apprezzato quanto fatto dai Conifer in passato (ma giÓ nel brano contenuto nello split in condominio coi concittadini Ocean si intravedevano gli attuali sviluppi), al cospetto di un lavoro come "Crown Fire" si rimane un po' con l'amaro in bocca. Le scelte stilistiche di una band non si mettono in discussione ma in un periodo in cui la scena "post" va sempre pi¨ sovraffollandosi, far leva sui caratteri distintivi avrebbe giovato e non poco a questo nuovo parto. Resta il fatto che non pochi ammiratori del genere potrebbero dichiararsi soddisfatti.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Breathe Hold; Song For Krom; History Of Disappointment.

Questa recensione Ú stata letta 2563 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Stones From The Sky Neurosound Vol.1AA.VV.
Stones From The Sky Neurosound Vol.1
5ive - Hesperus5ive
Hesperus
Rosetta - A Determinism Of MoralityRosetta
A Determinism Of Morality
Dyskinesia - Dalla NascitaDyskinesia
Dalla Nascita
Isis - Live 4 Selections 2001-2005Isis
Live 4 Selections 2001-2005
Isis - PanopticonIsis
Panopticon
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Valerian Swing - A Sailor Lost Around The EarthValerian Swing
A Sailor Lost Around The Earth
Isis - OceanicIsis
Oceanic
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising