Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Unorthodox Creative Criteria - Coprofago (Sekhmet)

Ultime recensioni

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio

Coprofago - Unorthodox Creative Criteria
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / progressive / death
Scheda autore: Coprofago



Vengono dal Cile e hanno già attirato l'attenzione del mondo musicale con "Genesis" primo esordio nel mondo discografico ufficiale. I Coprofago (nome orrendo per una band di questo genere) suonano un death-metal-tecnico sulla scia di Meshuggah e Cynic.

Al primo ascolto vi sembrerà di ascoltare la band di "Destroy Erase Improve", stessa voce, stessi assoli e stesse atmosfere. Prestando maggiore attenzione risulta però chiaro che la band si muove in un'ambientazione diversa rispetto agli svedesi. Il loro sound è molto più sognante e meno inquietante, sono frequentissime le aperture jazzy (tipo Cynic, Atheist, Pestilence) e curano maggiormente la "forma canzone" rispetto agli ultimi Meshuggah. Il lavoro degli strumentisti li avvicina poi ad una band prog-fusion (ascoltate le linee di basso e gli assoli di chitarra) più che ad una macchina nichilista di morte per autocombustione.

Dispiace solo che la personalità della band non renda maggiormente incisive le splendide idee qui contenute. E' l'unica pecca di un album stupefacente per bellezza e gusto come da anni non ne uscivano.

[Dale P.]

Canzoni significative: Streams, Crippled Tracker, Neutralized.

Questa recensione é stata letta 5120 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Meshuggah - None EPMeshuggah
None EP
Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Dreadnought - EmergenceDreadnought
Emergence
Dysrhythmia - Barriers And PassagesDysrhythmia
Barriers And Passages