Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Unorthodox Creative Criteria - Coprofago (Sekhmet)

Ultime recensioni

Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson
Green Day - Father Of AllGreen Day
Father Of All
Coastal County - Coastal CountyCoastal County
Coastal County
Sepultura - QuadraSepultura
Quadra
Khruangbin - & Leon Bridges -  Texas SunKhruangbin
& Leon Bridges - Texas Sun
Battles - Juice B CryptsBattles
Juice B Crypts
Hallas - ConundrumHallas
Conundrum
Chubby And The Gang - Speed KillsChubby And The Gang
Speed Kills
Ryte - RyteRyte
Ryte
Dune Rats - Hurry Up And WaitDune Rats
Hurry Up And Wait
Kytaro - White Noise For KidsKytaro
White Noise For Kids
Black Road - Witch Of The FutureBlack Road
Witch Of The Future
Midnight - Rebirth By BlasphemyMidnight
Rebirth By Blasphemy
Nero Di Marte - ImmotoNero Di Marte
Immoto
Mortiis - Spirit Of RebellionMortiis
Spirit Of Rebellion
Bohren & Der Club Of Gore - Patchouli BlueBohren & Der Club Of Gore
Patchouli Blue

Coprofago - Unorthodox Creative Criteria
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / progressive / death
Scheda autore: Coprofago



Vengono dal Cile e hanno già attirato l'attenzione del mondo musicale con "Genesis" primo esordio nel mondo discografico ufficiale. I Coprofago (nome orrendo per una band di questo genere) suonano un death-metal-tecnico sulla scia di Meshuggah e Cynic.

Al primo ascolto vi sembrerà di ascoltare la band di "Destroy Erase Improve", stessa voce, stessi assoli e stesse atmosfere. Prestando maggiore attenzione risulta però chiaro che la band si muove in un'ambientazione diversa rispetto agli svedesi. Il loro sound è molto più sognante e meno inquietante, sono frequentissime le aperture jazzy (tipo Cynic, Atheist, Pestilence) e curano maggiormente la "forma canzone" rispetto agli ultimi Meshuggah. Il lavoro degli strumentisti li avvicina poi ad una band prog-fusion (ascoltate le linee di basso e gli assoli di chitarra) più che ad una macchina nichilista di morte per autocombustione.

Dispiace solo che la personalità della band non renda maggiormente incisive le splendide idee qui contenute. E' l'unica pecca di un album stupefacente per bellezza e gusto come da anni non ne uscivano.

[Dale P.]

Canzoni significative: Streams, Crippled Tracker, Neutralized.

Questa recensione é stata letta 5038 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ephel Duath - The Painters PaletteEphel Duath
The Painters Palette
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within
Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Meshuggah - IMeshuggah
I
Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Blood Incantation - Hidden History Of Human RaceBlood Incantation
Hidden History Of Human Race
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
1980 - 19801980
1980
Into The Moat - The DesignInto The Moat
The Design
Intronaut - VoidIntronaut
Void