Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Finally It's Friday - Cut Of Mica (Green Fog)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Cut Of Mica - Finally It's Friday
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Green Fog
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / noise / mathrock



I Cut Of Mica sono la nuova scoperta della Green Fog Records, etichetta gestita dai Meganoidi già fattasi notare per aver pubblicato gli ottimi En Roco e Marti.

In realtà la storia dei Cut Of Mica non è certo nuova. Già con il monicker "Toxic Picnic" sono anni che infiammano i palchi genovesi e non, costruendosi fama e credibilità con show di grande impatto.

Ma se pensavate che Green Fog stampasse dischi morbidi ed educati con "Finally It's Friday" vi accorgerete che è solo la qualità di fondo l'unica costante con i lavori precedentemente pubblicati.

Noise.

Metà anni 90. Shellac, Slint, Fugazi.

Touch And Go. Steve Albini.

Uzeda. Three Second Kiss.

La recensione fondamentalmente può finire anche qui. I nostri suonano un noise rock dalle tinte math e post, voce indolente a tratti urlata, batteria secca e dispari, chitarra dissonante e albiniana.

L'unico difetto della proposta è quello di ricalcare in modo un po' troppo poco personale i suoni e le intenzioni di band che ormai hanno fatto la storia. Ma essendo un esordio è inutile cercare la novità a tutti i costi, cosa che tassativamente richiederemo nel successivo.

In "Finally It's Friday" ci "accontentiamo" di 10 brani per 35 minuti, sparati sulla faccia con urgenza e suonati con competenza. Adatto quindi a chi ha divorato e consumato i dischi che riempivano il sottobosco americano nei primi anni 90 con l'unico problema di non essere ancora stato stampato in vinile.

[Dale P.]

Canzoni significative: Summer Kiss, Writing Is A Kind Of Sophisticated Silence.


Questa recensione é stata letta 2750 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Made Out Of Babies - The RuinerMade Out Of Babies
The Ruiner
Dead Elephant - ThanatologyDead Elephant
Thanatology
Il Teatro Degli Orrori - DellIl Teatro Degli Orrori
Dell'Impero Delle Tenebre
Uncode Duello - Uncode DuelloUncode Duello
Uncode Duello
Il Teatro Degli Orrori - / Zu - SplitIl Teatro Degli Orrori
/ Zu - Split
High Confessions, The - Turning Lead Into Gold With The High ConfessionsHigh Confessions, The
Turning Lead Into Gold With The High Confessions
Blonde Redhead - Melody Of Certain Damaged LemonsBlonde Redhead
Melody Of Certain Damaged Lemons
Bellini - Small StonesBellini
Small Stones
Tropical Fuck Storm - BraindropsTropical Fuck Storm
Braindrops
Sonic Youth - Rather RippedSonic Youth
Rather Ripped