Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

DGM - Misplaced (Scarlet)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

DGM - Misplaced
Autore: DGM
Titolo: Misplaced
Etichetta: Scarlet
Anno: 2004
Produzione:
Genere: metal / progressive /

Voto:



Che l'Italia non abbia da temere da nessuno per quanto riguarda il metal è un dato di fatto. Purtroppo certe formazioni non vanno oltre al clichè metal spesso pacchiani e poco originali.

I DGM sono ovviamente un caso diverso. Pur muovendosi in un contesto power-prog, la band si destreggia con abilità in un songwriting mai fine a sè stesso e di grande impatto.

Solo un brano ("Still Believe") non risulta lanciato a mille. Tutti gli altri abbinano potenza, tecnica e orecchiabilità come poche band riescono a fare senza sbrodolarsi in inutili tecnicismi.

La volontà di essere concisi corrisponde anche alla durata dell'album che supera di poco i 40 minuti, cosa che deluderà i fan della band (arrivati con "Misplaced" al quarto lavoro) ma che aiuta ad evitare cadute di tono.

[Dale P.]

Canzoni significative: Living On The Edge, Pride.

Questa recensione é stata letta 2933 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Test Switch Isolator - LetTest Switch Isolator
Let's Dance
Meshuggah - None EPMeshuggah
None EP
Buried Inside - ChronoclastBuried Inside
Chronoclast
Dysrhythmia - Barriers And PassagesDysrhythmia
Barriers And Passages
Intronaut - Null EPIntronaut
Null EP
Sadist - Above The LightSadist
Above The Light
Sadist - SadistSadist
Sadist
Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Sadist - TribeSadist
Tribe