Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Hemisphere Of Shadows - Danava (Kemado)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Danava - Hemisphere Of Shadows
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione:
Genere: rock / stoner / hard rock
Scheda autore: Danava



E' in atto gia' da alcuni anni una rivisitazione moderna dell'Heavy Metal grazie a gruppi quali The Sword e Saviours che hanno cercato di rinvigorire il genere partendo dal suo interno.

Ma esiste pure una scena che sta usando lo stesso metodo per quanto riguarda il lato piu' duro del rock. Vengono in mente Dzjenghis Khan, Graveyard, Radio Moscow, tanto per citare qualche nome in ordine sparso. E Danava.

Partiti come band di (hard) rock space/ progressive, sono arrivati a farsi conoscere con l'ottimo "Unonou" di qualche anno fa, guarda caso inciso per quella Kemado, etichetta che si occupa pure delle uscite dei sopraccitati Sword e Saviours.

Con questa terza prova il quadro cambia. Non intendo dire che il quartetto abbia abbandonato completamente la rotta iniziale ma, dal versante progressivo che si respirava nei solchi precedenti, e' passato ad un rock piu' classico, piu' asciutto, insomma senza troppi fronzoli. Si ha come l'impressione che il gruppo abbia voluto ritornare con decisione alle origini del suono. Qui vengono a galla mostri sacri quali Cream, Blue Cheer, Captain Beyond, perfino Pentagram invece di Hawkwind e Queen. A volte questo album suona talmente vecchio (o "vintage" se preferite) che l'involucro risulta comunque fresco ed elettrizzante, quasi ci trovassimo di fronte ad una novita'. Un piacere per le orecchie ascoltare brani come "Shoot Straight With A Crooked Gun", "White Nights Of Murder", "The Illusions Crawls". Ma tutto il disco sa farsi valere e convince pienamente.

Una proposta in cui punk, rock e metal primordiale vanno liberamente a braccetto come ai bei tempi quando le barriere non esistevano, ispirata, allettante e, permettetemi di dire, creativa, da far venire l'acquolina in bocca. Poi non venite a dirmi che non vi avevo avvisato.

[Cristiano Roversi]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 2302 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

13/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 2

tAXI dRIVER consiglia

Queens Of The Stone Age - Rated RQueens Of The Stone Age
Rated R
Masters Of Reality - FlikMasters Of Reality
Flik'n'Flight
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
Naam - NaamNaam
Naam
Ojm - VolcanoOjm
Volcano
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Queens Of The Stone Age - Feel Good Hit Of The SummerQueens Of The Stone Age
Feel Good Hit Of The Summer
 Deadpeach
Promo EP
Chè - Sounds Of LiberationChè
Sounds Of Liberation
Atomic Bitchwax - The Local FuzzAtomic Bitchwax
The Local Fuzz