´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Danava - Hemisphere Of Shadows (Kemado)

Ultime recensioni

Geese - ProjectorGeese
Projector
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim

Danava - Hemisphere Of Shadows
Autore: Danava
Titolo: Hemisphere Of Shadows
Anno: 2011
Produzione:
Genere: rock / stoner / hard rock

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




E' in atto gia' da alcuni anni una rivisitazione moderna dell'Heavy Metal grazie a gruppi quali The Sword e Saviours che hanno cercato di rinvigorire il genere partendo dal suo interno.

Ma esiste pure una scena che sta usando lo stesso metodo per quanto riguarda il lato piu' duro del rock. Vengono in mente Dzjenghis Khan, Graveyard, Radio Moscow, tanto per citare qualche nome in ordine sparso. E Danava.

Partiti come band di (hard) rock space/ progressive, sono arrivati a farsi conoscere con l'ottimo "Unonou" di qualche anno fa, guarda caso inciso per quella Kemado, etichetta che si occupa pure delle uscite dei sopraccitati Sword e Saviours.

Con questa terza prova il quadro cambia. Non intendo dire che il quartetto abbia abbandonato completamente la rotta iniziale ma, dal versante progressivo che si respirava nei solchi precedenti, e' passato ad un rock piu' classico, piu' asciutto, insomma senza troppi fronzoli. Si ha come l'impressione che il gruppo abbia voluto ritornare con decisione alle origini del suono. Qui vengono a galla mostri sacri quali Cream, Blue Cheer, Captain Beyond, perfino Pentagram invece di Hawkwind e Queen. A volte questo album suona talmente vecchio (o "vintage" se preferite) che l'involucro risulta comunque fresco ed elettrizzante, quasi ci trovassimo di fronte ad una novita'. Un piacere per le orecchie ascoltare brani come "Shoot Straight With A Crooked Gun", "White Nights Of Murder", "The Illusions Crawls". Ma tutto il disco sa farsi valere e convince pienamente.

Una proposta in cui punk, rock e metal primordiale vanno liberamente a braccetto come ai bei tempi quando le barriere non esistevano, ispirata, allettante e, permettetemi di dire, creativa, da far venire l'acquolina in bocca. Poi non venite a dirmi che non vi avevo avvisato.

[Cristiano Roversi]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione Ú stata letta 2468 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

13/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 2

tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Desert Sound - The Spaghetti Session Vol.1AA.VV.
Desert Sound - The Spaghetti Session Vol.1
Motorpsycho - Trust UsMotorpsycho
Trust Us
Queens Of The Stone Age - Rated RQueens Of The Stone Age
Rated R
Ojm - VolcanoOjm
Volcano
 Deadpeach
Promo EP
Motorpsycho - BarracudaMotorpsycho
Barracuda
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Alix - GroundAlix
Ground
Clutch - Strange Cousins From The WestClutch
Strange Cousins From The West
Brant Bjork - JacoozziBrant Bjork
Jacoozzi