´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Individual Thought Patterns - Death (Relativity)

Ultime recensioni

Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Gu­nadˇttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Gu­nadˇttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Canĺt Have Love, I Want PowerHalsey
If I Canĺt Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On
Jadsa - Olho de VidroJadsa
Olho de Vidro

Death - Individual Thought Patterns
Voto:
Anno: 1993
Produzione:
Genere: metal / progressive / death



Formalmente, siamo al cospetto di uno dei platter pi¨ influenti di cui il metal abbia memoria. Insieme a 'Human' e il gigantesco 'The Sound Of Perseverance', questo disco ha segnato intere generazioni di metallari, di quelli che un mio amico chiamerebbe "quelli b-buoni": in una situazione che vede gente giocare a trecentosessanta con architetture pesanti smaliziate, viene effettivamente spontaneo domandarsi come sarebbe stato il mondo della musica pe(n)sante se Schuldiner non fosse nato e morto. ╚ l'album della mutazione completa, dal gore degli inizi all'introspezione pi¨ accesa ed illuminante, dalle prime colossali intuizioni (ve lo ricordate 'Leprosy'?) alla compiuta esplorazione di situazioni sonore che hanno saputo resistere all'incedere spietato del tempo: quattordici anni dopo, una 'Trapped In A Corner' o la seminale 'The Philosopher' possono tranquillamente stare a fianco delle pi¨ complesse composizioni degli attuali alfieri del metal evoluto, tanto era sottile e perfetta l'alchimia degli spartiti racchiusi lÓ dentro. Il merito, non di meno, va attribuito ai signori dalla mano d'oro che giostrano l'orchestrazione, nessuno escluso ma con una menzione particolare per il grande Hoglan (Dark Angel, Strapping Young Lad), il cui apporto, nel qual caso, Ŕ di quelli che ti determinano la sensibilitÓ complessiva di un disco. ╚ un pilastro per un intero genere, da tramandare ed assimilare allo scoccare del trentennale.

[Mirko Quaglio]


Questa recensione Ú stata letta 4415 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Into The Moat - The DesignInto The Moat
The Design
Meshuggah - IMeshuggah
I
Coprofago - Unorthodox Creative CriteriaCoprofago
Unorthodox Creative Criteria
Ephel Duath - The Painters PaletteEphel Duath
The Painters Palette
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
Dysrhythmia - PretestDysrhythmia
Pretest
Intronaut - VoidIntronaut
Void
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Dreadnought - EmergenceDreadnought
Emergence