Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Barriers And Passages - Dysrhythmia (Relapse)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Dysrhythmia - Barriers And Passages
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / progressive / experimental
Scheda autore: Dysrhythmia

MP3: Appeared At First
Sleep Decayer


Senza dubbio uno dei dischi più difficili usciti negli ultimi mesi. I Dysrhythmia si confermano una band non facile, che fa di tutto per spiazzare l'ascoltatore e buttarlo in un mare da cui è impossibile orientarsi. A partire dai suoni alieni e dissonanti, passando da ritmiche spezzate e dispari continuamente spostate e imprevedibili per terminare in stacchi furibondi che causano labirintite immediata.

Come dissi già riguardo al precedente "Pretest": non c'è il virtuosismo fine a sè stesso ma nei Dysrhytmia ogni cosa è virtuosismo. Siamo sempre dalle parti di King Crimson e Don Caballero, ma l'impeto della band supera quella dei due colossi in questione. Ascoltare un brano come "Will The Spirit Prevail" vuol dire prendere 30 anni di musica virtuosa e scavalcare l'idea stessa che si ha del virtuosismo in nome di una composizione sonora potente senza essere metal, psichedelica senza essere drogata e tecnica senza essere stucchevole. Come avviene, in modo diverso, negli Ephel Duath o come facevano anni fa i Don Caballero.

Con questa formula i Dysrhytmia sembra abbiano trovato la strada per stupire e sperimentare allo stesso modo dei giovani King Crimson. Un disco adatto sia agli ascoltatori di postcore tecnico (Candiria, Dillinger Escape Plan) a cui si rivolge il marchio Relapse, sia ad un pubblico più vecchio che ha visto morire il prog soffocato da mancanza di idee e chitarroni metal.

Ovviamente da evitare per tutti coloro che hanno un idea della musica sommaria e minimalista. Per non dire priva di gusto e infantile.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 4745 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Dysrhythmia - PretestDysrhythmia
Pretest
Dysrhythmia - Psychic MapDysrhythmia
Psychic Map
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold

NEWS


13/07/2012 Nuovo Brano In Streaming
29/05/2009 Dettagli sul Nuovo Album
10/02/2006 Pronto Il Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Buried Inside - ChronoclastBuried Inside
Chronoclast
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
Sadist - SadistSadist
Sadist
Meshuggah - None EPMeshuggah
None EP
Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Yakuza - Of Seismic ConsequenceYakuza
Of Seismic Consequence
Mass, The - Perfect Picture Of Wisdom And BoldnessMass, The
Perfect Picture Of Wisdom And Boldness
Sadist - TribeSadist
Tribe
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen