Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Into The Wild - Eddie Vedder (J Records)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Eddie Vedder - Into The Wild
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2007
Produzione: Adam Kasper
Genere: rock / pop / soundtrack



Non stupisce per niente questa prima sortita solista di Eddie Vedder, cantante dei Pearl Jam.

Non stupisce per diversi motivi: per prima cosa esce sotto le mentite spoglie di una colonna sonora, tanto da preservare la credibilità artistica e proteggerlo da eventuali tentazioni "commerciali". Ovviamente la colonna sonora è solo una scusa: questo è il disco di Eddie Vedder che tutti i fan si sarebbero aspettati e che hanno lungamente desiderato. Ovvio il sogno spesso è più bello della realtà, ma è indubbio che il formato "soundtrack" lo faccia assomigliare ad una realtà piuttosto sfumata, al confine con l'onirico.

Ma al di là delle chiacchiere, Eddie mette in questo disco tutto se stesso: ovvero una chitarra e la sua voce. Ingredienti che basterebbero per mandare a casa più o meno i 3/4 dei dischi odierni (per rimanere nel genere, Chris Cornell in confronto sembra Gigi D'Alessio).

Chitarre suonate in punta di dita, qualche eco distorto, ukulele e tanto calore. Le influenze le citiamo giusto per chi non bazzica il personaggio: The Who ("Far Behind"), gospel/soul (il singolo "Hard Sun"), Bob Dylan (un po' tutto il disco) oltre, ovviamente, allo Springsteen di Nebraska.

Nell'insieme "Into The Wild" suona dimesso, abbozzato, e a parte le consuete parti enfatiche potrebbe piacere anche agli amanti dell'indie folk, o del new country, anche se immagino che nessun fan di Jason Molina ne confesserà mai le qualità.

Per una eventuale carriera solista di Eddie Vedder possiamo dormire sonni tranquilli: con quella voce mai potrà deluderci.

[Dale P.]

Canzoni significative: Far Behind, Guaranteed.


Questa recensione é stata letta 3235 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Velvet Underground - The Velvet UndergroundVelvet Underground
The Velvet Underground
Subsonica - Cielo Tangenziale Ovest DVDSubsonica
Cielo Tangenziale Ovest DVD
Neil Young - WeldNeil Young
Weld
Massimo Bubola - Niente Passa InvanoMassimo Bubola
Niente Passa Invano
Velvet Underground - White Light White HeatVelvet Underground
White Light White Heat
Sleepy Jackson - PersonalitySleepy Jackson
Personality
Velvet Underground - LoadedVelvet Underground
Loaded
Cesare Basile - Gran Cavalera ElettricaCesare Basile
Gran Cavalera Elettrica
Joe Strummer - StreetcoreJoe Strummer
Streetcore
Jimmy Chamberlin Complex - Life Begins AgainJimmy Chamberlin Complex
Life Begins Again