Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

End, The - Elementary (Relapse)

Ultime recensioni

Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture
Blodet - Death MotherBlodet
Death Mother
Maggot Heart - HungerMaggot Heart
Hunger
Blood Incantation - Luminescent BridgeBlood Incantation
Luminescent Bridge
Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Kvelertak - EndlingKvelertak
Endling
Graveyard - 6Graveyard
6
Great Falls - Objects Without PainGreat Falls
Objects Without Pain
Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons

End, The - Elementary
Autore: End, The
Titolo: Elementary
Etichetta: Relapse
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / progressive / post-hardcore

Voto:

MP3: Animal


C' stata una fase in cui il metal era risorto dalle ceneri del grunge e dell'hardcore e aveva mostrato al mondo intero che NON era una musica per bambini deficienti; gente che, ad un certo punto, aveva trovato l'alchimia giusta per rinnovare un genere troppo a lungo si era trovato impettito ed accartocciato su se stesso, riciclando sempre le solite menate. Il dado era stato tratto pi o meno cinque o sei anni fa, ma si sa certi cicli sono destinati a ripetersi e un disco come quello dei The End ti fa comprendere in pieno il perch.

Non che sia suonato e scritto male, anzi. Ci sono canzoni formalmente perfette e sulle quali si sente che stato speso molto tempo, aborti generati da cadaveri del Nu e del Metalcore pi di facciata, a dire il vero un po' pacchiani ('The Never Aftermath', ...ma un po' il mood dell'intero disco), e da buone intuizioni post-hc ('Animal'), frullate in una produzione impeccabile, che ha lavorato tanto di cesello quanto di psicologia spiccia per capire cosa dare in pasto all'ascoltatore avvezzo a questo tipo di cose; c' anche il momento rumorista ('A Fell Wind') e il flirt con i Tool ('In Distress'), ma non che la situazione cambi pi di tanto. come sentire un improbabile esperimento degli esordi che giocano a fare i Meshuggah della situazione, con malcelata attitudine hardcore. Da queste parti, che siamo tanto diffidenti, non va proprio gi che Relapse si permetta simili cadute di stile. Soprattutto quando colpa di una band che aveva fatto parlare bene di se in passato. Ora avete capito il perch?

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: Animal.


Questa recensione stata letta 3948 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

End, The - Transfer Trachea Reverberations From PointEnd, The
Transfer Trachea Reverberations From Point
End, The - Within DividiaEnd, The
Within Dividia

NEWS


02/11/2006 Nuovo Album A Febbraio

tAXI dRIVER consiglia

Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Sadist - SadistSadist
Sadist
Circle Of Sighs - NarciCircle Of Sighs
Narci
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Meshuggah - Contraddiction CollapseMeshuggah
Contraddiction Collapse
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within
Dreadnought - EmergenceDreadnought
Emergence
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville