Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Elementary - End, The (Relapse)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

End, The - Elementary
Voto:
Etichetta: Relapse
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / progressive / post-hardcore
Scheda autore: End, The

MP3: Animal


C' stata una fase in cui il metal era risorto dalle ceneri del grunge e dell'hardcore e aveva mostrato al mondo intero che NON era una musica per bambini deficienti; gente che, ad un certo punto, aveva trovato l'alchimia giusta per rinnovare un genere troppo a lungo si era trovato impettito ed accartocciato su se stesso, riciclando sempre le solite menate. Il dado era stato tratto pi o meno cinque o sei anni fa, ma si sa certi cicli sono destinati a ripetersi e un disco come quello dei The End ti fa comprendere in pieno il perch.

Non che sia suonato e scritto male, anzi. Ci sono canzoni formalmente perfette e sulle quali si sente che stato speso molto tempo, aborti generati da cadaveri del Nu e del Metalcore pi di facciata, a dire il vero un po' pacchiani ('The Never Aftermath', ...ma un po' il mood dell'intero disco), e da buone intuizioni post-hc ('Animal'), frullate in una produzione impeccabile, che ha lavorato tanto di cesello quanto di psicologia spiccia per capire cosa dare in pasto all'ascoltatore avvezzo a questo tipo di cose; c' anche il momento rumorista ('A Fell Wind') e il flirt con i Tool ('In Distress'), ma non che la situazione cambi pi di tanto. come sentire un improbabile esperimento degli esordi che giocano a fare i Meshuggah della situazione, con malcelata attitudine hardcore. Da queste parti, che siamo tanto diffidenti, non va proprio gi che Relapse si permetta simili cadute di stile. Soprattutto quando colpa di una band che aveva fatto parlare bene di se in passato. Ora avete capito il perch?

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: Animal.


Questa recensione stata letta 3709 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

End, The - Transfer Trachea Reverberations From PointEnd, The
Transfer Trachea Reverberations From Point
End, The - Within DividiaEnd, The
Within Dividia

NEWS


02/11/2006 Nuovo Album A Febbraio

tAXI dRIVER consiglia

Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Into The Moat - The DesignInto The Moat
The Design
Buried Inside - ChronoclastBuried Inside
Chronoclast
1980 - 19801980
1980
Blood Incantation - Hidden History Of Human RaceBlood Incantation
Hidden History Of Human Race
Coprofago - Unorthodox Creative CriteriaCoprofago
Unorthodox Creative Criteria
Cynic - FocusCynic
Focus
Intronaut - VoidIntronaut
Void
Ephel Duath - The Painters PaletteEphel Duath
The Painters Palette
Meshuggah - IMeshuggah
I