Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Elementary - End, The (Relapse)

Ultime recensioni

Besvärjelsen - FrostBesvärjelsen
Frost
Drool - Drool IIDrool
Drool II
Deafkids - MetaprogramaçãoDeafkids
Metaprogramação
Kim Gordon - No Home RecordKim Gordon
No Home Record
Beth Gibbons - Henryk Gorecki Symphony No. 3Beth Gibbons
Henryk Gorecki Symphony No. 3
The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback
Lo Pan - SubtleLo Pan
Subtle
William Duvall - One AloneWilliam Duvall
One Alone
Werian - AnimistWerian
Animist
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia
Blut Aus Nord - HallucinogenBlut Aus Nord
Hallucinogen
30000 Monkies - Are Forever30000 Monkies
Are Forever
Idles - A Beautiful Thing Idles Live At Le BataclanIdles
A Beautiful Thing Idles Live At Le Bataclan
Om - BBC Radio 1Om
BBC Radio 1
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Hexgrafv - RitualHexgrafv
Ritual
Stew - PeopleStew
People
The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Ruff Majik - TarnRuff Majik
Tarn

End, The - Elementary
Voto:
Etichetta: Relapse
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / progressive / post-hardcore
Scheda autore: End, The

MP3: Animal


C'è stata una fase in cui il metal era risorto dalle ceneri del grunge e dell'hardcore e aveva mostrato al mondo intero che NON era una musica per bambini deficienti; gente che, ad un certo punto, aveva trovato l'alchimia giusta per rinnovare un genere troppo a lungo si era trovato impettito ed accartocciato su se stesso, riciclando sempre le solite menate. Il dado era stato tratto più o meno cinque o sei anni fa, ma ­ si sa ­ certi cicli sono destinati a ripetersi e un disco come quello dei The End ti fa comprendere in pieno il perchè.

Non è che sia suonato e scritto male, anzi. Ci sono canzoni formalmente perfette e sulle quali si sente che è stato speso molto tempo, aborti generati da cadaveri del Nu e del Metalcore più di facciata, a dire il vero un po' pacchiani ('The Never Aftermath', ...ma è un po' il mood dell'intero disco), e da buone intuizioni post-hc ('Animal'), frullate in una produzione impeccabile, che ha lavorato tanto di cesello quanto di psicologia spiccia per capire cosa dare in pasto all'ascoltatore avvezzo a questo tipo di cose; c'è anche il momento rumorista ('A Fell Wind') e il flirt con i Tool ('In Distress'), ma non è che la situazione cambi più di tanto. È come sentire un improbabile esperimento degli esordi che giocano a fare i Meshuggah della situazione, con malcelata attitudine hardcore. Da queste parti, che siamo tanto diffidenti, non va proprio giù che Relapse si permetta simili cadute di stile. Soprattutto quando è colpa di una band che aveva fatto parlare bene di se in passato. Ora avete capito il perchè?

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: Animal.


Questa recensione é stata letta 3672 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

End, The - Transfer Trachea Reverberations From PointEnd, The
Transfer Trachea Reverberations From Point
End, The - Within DividiaEnd, The
Within Dividia

NEWS


02/11/2006 Nuovo Album A Febbraio

tAXI dRIVER consiglia

Dysrhythmia - PretestDysrhythmia
Pretest
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Behold...The Arctopus - Nano-Nucleonic Cyborg SummoningBehold...The Arctopus
Nano-Nucleonic Cyborg Summoning
Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Meshuggah - None EPMeshuggah
None EP
Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Death - Individual Thought PatternsDeath
Individual Thought Patterns
Intronaut - Null EPIntronaut
Null EP
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Ephel Duath - The Painters PaletteEphel Duath
The Painters Palette