Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

The Fallen Crimson - Envy (Pelagic)

Ultime recensioni

Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History
Black Magick SS - Rainbow NightsBlack Magick SS
Rainbow Nights
Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida

Envy - The Fallen Crimson
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2020
Produzione: Daisuke Yamashita
Genere: punk / post-hardcore / screamo
Scheda autore: Envy



Cinque anni di silenzio, l'abbandono e il ritorno del cantante Tetsuya Fukagawa e imprevisti personali hanno rischiato di far chiudere per sempre la sigla Envy, ormai i più anziani rappresentati del post-hardcore attualmente in attività.

Quel post-hardcore che negli ultimi anni è stato inglobato dal più heavy e patinato "post-metal", più testosteronico e generalmente meglio prodotto ma, in molti casi, molto meno affascinante. E' una sfumatura lieve ma che i più anziani riconoscono bene.

I giapponesi Envy aprono il disco con l'impatto violento di "Statement Of Freedom" per poi aprire alle divagazioni atmosferiche e più rilassate che dai Mogwai arrivano agli Isis e a certo shoegaze. "The Fallen Crimson" è uno splendido lavoro di ombre e luci, con dinamiche sorprendenti che trasportano l'ascoltatore in lidi spesso inaspettati (vedi la ballad "Rhythm") e coraggiosi.

Un ritorno non gratuito, per una band che dopo 25 anni di attività è ancora in grado di stupire e di farsi amare.

[Dale P.]

Canzoni significative: Swaying leaves and scattering breath, Rhythm.


Questa recensione é stata letta 171 volte!
Vota Questo Disco:



NEWS


25/09/2010 Video di "Worn Heels and the Hands We Hold"
03/09/2010 Seconda Preview Online
10/08/2010 Quinto Disco a Settembre

tAXI dRIVER consiglia

Dillinger Escape Plan - Under The Running BoardDillinger Escape Plan
Under The Running Board
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Infarto Scheisse! - The Infarto Scheisse!Infarto Scheisse!
The Infarto Scheisse!
Blood Brothers - Burn Piano Island BurnBlood Brothers
Burn Piano Island Burn
Blood Brothers - CrimesBlood Brothers
Crimes
Inferno - InfernoInferno
Inferno
Converge - You Fail MeConverge
You Fail Me
Locust - Plague SoundscapesLocust
Plague Soundscapes
Shift - SpacesuitShift
Spacesuit
Cave In - White SilenceCave In
White Silence