Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Envy - The Fallen Crimson (Pelagic)

Ultime recensioni

Geese - ProjectorGeese
Projector
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim

Envy - The Fallen Crimson
Autore: Envy
Titolo: The Fallen Crimson
Etichetta: Pelagic
Anno: 2020
Produzione: Daisuke Yamashita
Genere: punk / post-hardcore / screamo

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Cinque anni di silenzio, l'abbandono e il ritorno del cantante Tetsuya Fukagawa e imprevisti personali hanno rischiato di far chiudere per sempre la sigla Envy, ormai i più anziani rappresentati del post-hardcore attualmente in attività.

Quel post-hardcore che negli ultimi anni è stato inglobato dal più heavy e patinato "post-metal", più testosteronico e generalmente meglio prodotto ma, in molti casi, molto meno affascinante. E' una sfumatura lieve ma che i più anziani riconoscono bene.

I giapponesi Envy aprono il disco con l'impatto violento di "Statement Of Freedom" per poi aprire alle divagazioni atmosferiche e più rilassate che dai Mogwai arrivano agli Isis e a certo shoegaze. "The Fallen Crimson" è uno splendido lavoro di ombre e luci, con dinamiche sorprendenti che trasportano l'ascoltatore in lidi spesso inaspettati (vedi la ballad "Rhythm") e coraggiosi.

Un ritorno non gratuito, per una band che dopo 25 anni di attività è ancora in grado di stupire e di farsi amare.

[Dale P.]

Canzoni significative: Swaying leaves and scattering breath, Rhythm.


Questa recensione é stata letta 458 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


25/09/2010 Video di "Worn Heels and the Hands We Hold"
03/09/2010 Seconda Preview Online
10/08/2010 Quinto Disco a Settembre

tAXI dRIVER consiglia

Meth. - Mother Of Red LightMeth.
Mother Of Red Light
Breach - KollapseBreach
Kollapse
At The Drive-In - In Casino OutAt The Drive-In
In Casino Out
Death Of Anna Karina - New Liberalistic PleasuresDeath Of Anna Karina
New Liberalistic Pleasures
Cave In - Final TransmissionCave In
Final Transmission
Comity - As Everything Is A TragedyComity
As Everything Is A Tragedy
Converge - No HeroesConverge
No Heroes
Cave In - White SilenceCave In
White Silence
Cave In - Until Your Heart StopsCave In
Until Your Heart Stops
Quicksand - Distant PopulationsQuicksand
Distant Populations