Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Through My Dog's Eyes - Ephel Duath (Earache)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Ephel Duath - Through My Dog's Eyes
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Earache
Anno: 2009
Produzione: Giuseppe Orlando
Genere: metal / progressive / experimental
Scheda autore: Ephel Duath



Lo diciamo subito senza girarci troppo intorno: da Through The Dog's Eye ci si aspettava di più. Ma da una band come gli Ephel Duath non solo ci si aspetta un grande album ma che sia pure in grado di rimanere negli anni come punto di riferimento. Through The Dog's Eye è, invece, un disco sotto voce giocato sull'alternanza di chiaro/scuri generati dalla chitarra di Davide Tiso e assecondati dalla voce di George Lo Russo (che recentemente ha abbandonato). Mentre nei dischi precedenti gli ingredienti erano si gli stessi ma decorati e "gonfiati" con l'uso di una vera e propria band qui è tutto ridotto all'essenziale. Niente basso, chitarra e voce in primo piano e una batteria a dettare i tempi.

Ne guadagna il carattere della band, non essendo più filtrata da altre personalità ma ne perde il fascino dell'ascolto, che consapevole o meno si ritrova un disco zoppo.

Sia chiaro: non c'è niente al mondo che suona come Ephel Duath, quindi questo rimane un prodotto irrinunciabile per tutti coloro che vogliono un disco sperimentale, ben suonato, ricco di idee sbilenche e atmosfere particolari.

E' un disco consigliabile a chi non ha mai ascoltato la band? No, quello è Pain Necessary To Know (lo dice pure il titolo!). Ma mettere in primo piano la propria fragilità ha creato una strana spaccatura fra intenzione e risultato finale.

Un disco piacevolmente imperfetto. Forse necessario per ricominciare un'altra avventura.

[Dale P.]

Canzoni significative: Bella Morte, Gift.

Questa recensione é stata letta 2581 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Ephel Duath - The Painters PaletteEphel Duath
The Painters Palette

Live Reports

09/07/2004PadovaParcheggio Stadio Euganeo
07/07/2004Pinarella Di CerviaRock Planet
12/05/2006GenovaLogo Loco

NEWS


08/12/2011 La Nuova Line Up
29/11/2011 Firmano per Agonia Records
04/06/2009 Rompono con Earache
27/03/2009 Davide Tiso Nella Tua Band?
09/03/2009 Stop All'Attività Live
14/06/2007 Nuovo Remix Online
10/05/2007 Senza Bassista
27/09/2006 Nuovo Batterista
17/03/2006 Cancellato Il Tour Inglese
14/03/2006 Le Date Europee
26/10/2005 Ultime News
06/10/2005 La Tracklist del Nuovo Album
12/01/2005 Dettagli sul Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Intronaut - Null EPIntronaut
Null EP
Meshuggah - Rare TraxMeshuggah
Rare Trax
Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Dysrhythmia - Barriers And PassagesDysrhythmia
Barriers And Passages
Meshuggah - Contraddiction CollapseMeshuggah
Contraddiction Collapse
Yakuza - Of Seismic ConsequenceYakuza
Of Seismic Consequence
Meshuggah - Catch 33Meshuggah
Catch 33
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Sadist - TribeSadist
Tribe