Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The Open Door - Evanescence (Wind Up)

Ultime recensioni

AA.VV. - Dirt ReduxAA.VV.
Dirt Redux
Fuzz - IIIFuzz
III
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Tallah - MatriphagyTallah
Matriphagy
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Lump Hammer - BeastLump Hammer
Beast
Obsidian Kingdom - Meat MachineObsidian Kingdom
Meat Machine
Gargoyl - GargoylGargoyl
Gargoyl
Anna Von Hausswolff - All Thoughts FlyAnna Von Hausswolff
All Thoughts Fly
Blues Pills - Holy Moly!Blues Pills
Holy Moly!
Sprain - As Lost Through CollisionSprain
As Lost Through Collision
Thurston Moore - By The FireThurston Moore
By The Fire
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Sarah Davachi - Cantus, DescantSarah Davachi
Cantus, Descant
AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome

Evanescence - The Open Door
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / alternative / pop
Scheda autore: Evanescence



Sarebbe stupidamente snob bollare gli Evanescence come una band "commerciale". La loro capacità comunicativa riesce ad arrivare sia al ragazzino che adora gli Slipknot sia a chi passeggia tutti i giorni sotto la redazione di TRL. Sarà il classico caso di rock per le masse, pompato da Mtv e dalle radio, ma li trovo molto più stimolanti degli attuali U2, Red Hot Chili Peppers e Marilyn Manson assortiti.

Merito senza dubbio della voce di Amy Lee, tecnicamente magari non ardita, ma proprio per questo pregna di sfumature sofferenti che nel contesto goth-metal (paradossalmente) solitamente vengono meno a causa di cantanti troppo "accademiche" e pulitine, più attente all'acuto perfetto che ad una vera emozionalità.

Amy Lee, così come avvenne nell'esordio major, si estrae almeno 4 pezzi capaci di toccare le corde emozionali di chiunque. Purtroppo il disco viene piegato ad esigenze commerciali (pur essendo potente a dovere) e il lavoro di produzione spesso ha una quantità di cattivo gusto che stronerebbe un fan di Mariah Carey.

E' proprio questo retrogusto plasticoso (lo stesso che porta oggi ad ascoltare le produzioni anni 80 e provare ribrezzo) che non darà vita lunga all'album, troppo attento a piacere adesso e mai più. Ma al suo interno covano canzoni che avrebbero meritato un trattamento più adeguato.

[Dale P.]

Canzoni significative: Sweet Sacrifice, Lithium, Lacrymosa.


Questa recensione é stata letta 4224 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Evanescence - FallenEvanescence
Fallen

tAXI dRIVER consiglia

King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
Tool - UndertowTool
Undertow
Fantomas - The DirectorFantomas
The Director's Cut
Giant Squid - The IchthyologistGiant Squid
The Ichthyologist
Five Star Prison Cell - Slaves Of VirgoFive Star Prison Cell
Slaves Of Virgo
A Perfect Circle - Thirteen StepA Perfect Circle
Thirteen Step
AA.VV. - Dracula 2000AA.VV.
Dracula 2000
A Perfect Circle - Mer De NomsA Perfect Circle
Mer De Noms
Atomic Opera - For Madmen OnlyAtomic Opera
For Madmen Only
Tool - AenimaTool
Aenima