Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The Open Door - Evanescence (Wind Up)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Evanescence - The Open Door
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / alternative / pop
Scheda autore: Evanescence



Sarebbe stupidamente snob bollare gli Evanescence come una band "commerciale". La loro capacità comunicativa riesce ad arrivare sia al ragazzino che adora gli Slipknot sia a chi passeggia tutti i giorni sotto la redazione di TRL. Sarà il classico caso di rock per le masse, pompato da Mtv e dalle radio, ma li trovo molto più stimolanti degli attuali U2, Red Hot Chili Peppers e Marilyn Manson assortiti.

Merito senza dubbio della voce di Amy Lee, tecnicamente magari non ardita, ma proprio per questo pregna di sfumature sofferenti che nel contesto goth-metal (paradossalmente) solitamente vengono meno a causa di cantanti troppo "accademiche" e pulitine, più attente all'acuto perfetto che ad una vera emozionalità.

Amy Lee, così come avvenne nell'esordio major, si estrae almeno 4 pezzi capaci di toccare le corde emozionali di chiunque. Purtroppo il disco viene piegato ad esigenze commerciali (pur essendo potente a dovere) e il lavoro di produzione spesso ha una quantità di cattivo gusto che stronerebbe un fan di Mariah Carey.

E' proprio questo retrogusto plasticoso (lo stesso che porta oggi ad ascoltare le produzioni anni 80 e provare ribrezzo) che non darà vita lunga all'album, troppo attento a piacere adesso e mai più. Ma al suo interno covano canzoni che avrebbero meritato un trattamento più adeguato.

[Dale P.]

Canzoni significative: Sweet Sacrifice, Lithium, Lacrymosa.


Questa recensione é stata letta 4201 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Evanescence - FallenEvanescence
Fallen

tAXI dRIVER consiglia

Mastodon - Lifesblood EPMastodon
Lifesblood EP
Poundhound - Massive GroovesPoundhound
Massive Grooves
Melvins - Nude With BootsMelvins
Nude With Boots
Atomic Opera - For Madmen OnlyAtomic Opera
For Madmen Only
Mastodon - Crack The SkyeMastodon
Crack The Skye
Tool - LateralusTool
Lateralus
Kvelertak - KvelertakKvelertak
Kvelertak
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
Tool - UndertowTool
Undertow
AA.VV. - Dracula 2000AA.VV.
Dracula 2000