Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Evanescence - The Open Door (Wind Up)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

Evanescence - The Open Door
Autore: Evanescence
Titolo: The Open Door
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / alternative / pop

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Sarebbe stupidamente snob bollare gli Evanescence come una band "commerciale". La loro capacità comunicativa riesce ad arrivare sia al ragazzino che adora gli Slipknot sia a chi passeggia tutti i giorni sotto la redazione di TRL. Sarà il classico caso di rock per le masse, pompato da Mtv e dalle radio, ma li trovo molto più stimolanti degli attuali U2, Red Hot Chili Peppers e Marilyn Manson assortiti.

Merito senza dubbio della voce di Amy Lee, tecnicamente magari non ardita, ma proprio per questo pregna di sfumature sofferenti che nel contesto goth-metal (paradossalmente) solitamente vengono meno a causa di cantanti troppo "accademiche" e pulitine, più attente all'acuto perfetto che ad una vera emozionalità.

Amy Lee, così come avvenne nell'esordio major, si estrae almeno 4 pezzi capaci di toccare le corde emozionali di chiunque. Purtroppo il disco viene piegato ad esigenze commerciali (pur essendo potente a dovere) e il lavoro di produzione spesso ha una quantità di cattivo gusto che stronerebbe un fan di Mariah Carey.

E' proprio questo retrogusto plasticoso (lo stesso che porta oggi ad ascoltare le produzioni anni 80 e provare ribrezzo) che non darà vita lunga all'album, troppo attento a piacere adesso e mai più. Ma al suo interno covano canzoni che avrebbero meritato un trattamento più adeguato.

[Dale P.]

Canzoni significative: Sweet Sacrifice, Lithium, Lacrymosa.


Questa recensione é stata letta 4285 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Evanescence - FallenEvanescence
Fallen

tAXI dRIVER consiglia

Melvins - The Bride Screamed MurderMelvins
The Bride Screamed Murder
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
KingKing's X
Ogre Tones
Virus - The Agent That Shapes The DesertVirus
The Agent That Shapes The Desert
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Tool - UndertowTool
Undertow
AA.VV. - Dracula 2000AA.VV.
Dracula 2000
Melvins - Nude With BootsMelvins
Nude With Boots
Five Star Prison Cell - Slaves Of VirgoFive Star Prison Cell
Slaves Of Virgo
Nailbomb - Point BlankNailbomb
Point Blank