Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The Ichthyologist - Giant Squid (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene
Coilguns - WatchwindersCoilguns
Watchwinders
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
The Austerity Program - Bible Songs 1The Austerity Program
Bible Songs 1

Giant Squid - The Ichthyologist
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2009
Produzione: Matt Bayles
Genere: metal / alternative / progressive



I Giant Squid sono una creatura affascinante. Si abbeverano a diverse fonti per dar vita ai loro viaggi sonori. Carpiscono echi sparsi del post-core neurosisiano e hanno assorbito per bene i sacri comandamenti dei Black Sabbath (non potrebbero altrimenti dar vita al doom di "La Brea Tar Pits"), flirtano più e più volte con la psichedelia di derivazione pinkfloydiana e, non ultimo, si lasciano spesso affascinare dalle distensioni del post-rock. Fuor di metafora, sono una progressive-rock band a tutti gli effetti.

Giungono a "The Ichtyologist" a tre anni dal promettente ma ancora acerbo "Metridium Field" e con le idee alquanto chiare sulle traiettorie stilistiche da seguire. A produrre c'è Matt Bayles (vi dicono qualcosa Mastodon, Isis, Botch e Pearl Jam?). La presenza di fiati sparsi qua e la nel corso della tracklist e l'atmosfera strisciante e fumosa di "Sutterville" denotano abbagli per il jazz tenuti tutt'altro che nascosti. Tantissime sfaccettature che a primo acchito non risaltano all'attenzione, emergono successivamente per arricchire un quadro che fa dell'interazione degli elementi il suo punto cardine. Impreziosito dalle apparizioni di due ospiti, "The Ichthyologist" sa rapire l'ascoltatore e condurlo negli abissi dell'intricato concept escogitato dal cantante/chitarrista Aaron Gregory.

Ospiti dicevamo: Karyn Crisis, ugola alla nitroglicerina dei mai dimenticati Crisis, viene chiamata per infiammare la già ignea "Throwing A Donner Party At Sea", che appartiene a quell'universo heavy-rock irruento di cui i Mastodon sono i più importanti esponenti; Anneke Van Giersbergen invece, con le sue proverbiali incursioni suadenti, ritocca di malinconia "Sevengill". Gli interventi di violoncello di Jackie Perez Gratz invocano i Rachel's e arricchiscono la tavolozza cromatica di sfumature quasi arcane. "Rubicon Wall" ammalia coi suoi dissonanti arpeggi perpetuati come intrecci d'una rete gettata in mare per imbrigliare ogni cretura che si dimeni nel fondo. "Mormon Island" è tetra e miscela l'anima nera di Jarboe con le sinistre visioni degli Sleepytime Gorilla Museum, restando lì sospesa come un incubo che ronza dentro la calotta cranica; "Blue Linckia" fa bella mostra d'una lunga coda stoner prima di sfociare in "Emerald Bay", bellissimo acquerello che pare uscito dall'astrattismo dei Neurosis di "The Eye Of Every Storm". Non si può non evidenziare come i Giant Squid siano cresciuti in sede di composizione, mantenendo la qualità dei brani alta fino alla fine (questa una delle pecche principali di "Metridium Field") e delineando una precisa personalità, nonostante gli inevitabli paralleli che possono sopraggiungere alla mente durante l'ascolto.

"The Ichthylogist" è un album dalla non facile presa e che costringe al ritorno sulle sue tracce per diverse volte. Una volta schiusa la conchiglia però non si potrà far a meno di ammirare il perlaceo abisso che si staglia più impetuoso che mai.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Throwing a Donner Party At Sea; Sevengill; Rubicon Wall; Panthalassa; Sutterville.

Questa recensione é stata letta 3280 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Made Out Of Babies - TrophyMade Out Of Babies
Trophy
Tool - Opiate EPTool
Opiate EP
Five Star Prison Cell - Slaves Of VirgoFive Star Prison Cell
Slaves Of Virgo
Dredg - LeitmotifDredg
Leitmotif
Klimt 1918 - DopoguerraKlimt 1918
Dopoguerra
Melvins - Hostile Ambient TakeoverMelvins
Hostile Ambient Takeover
Mastodon - Crack The SkyeMastodon
Crack The Skye
Tool - LateralusTool
Lateralus
KingKing's X
Ogre Tones
AA.VV. - Dracula 2000AA.VV.
Dracula 2000