Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Ho99o9 - Skin (DTA Records)

Ultime recensioni

Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis

Ho99o9 - Skin
Autore: Ho99o9
Titolo: Skin
Anno: 2022
Produzione: Travis Barker
Genere: metal / elettronica / rap

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Da adolescente degli anni 90 ho sempre amato le commistioni fra rock ed elettronica, anche quelle più esagerate. Dai Senser alla colonna sonora di Spawn passando per Nine Inch Nails, Ministry e la Earache Records più tamarra ho sempre trovato dei buoni motivi per non essere uno dei tanti odiatori della commistione.

Ancora oggi quando si parla di fusione fra suoni sintetici e strumentazione rock la maggior parte degli ascoltatori reagisce con una smorfia schifata o alla meglio con un risolino snob per colpa di retaggi ottantiani ben radicati negli ascoltatori del vero "ruock".

Ho99o9 sono un duo difficilmente catalogabile. Mettono insieme, apparentemente alla rinfusa, elementi di hardcore punk, elettronica, metal e hiphop/trap. Hanno all'attivo due album e parecchi singoli, molti in collaborazione con personaggi di varia estrazione (dai Prodigy a Mike IX degli Eyehategod). Con "Skin" tentano il colpaccio alzando la tacca facendosi produrre dalla DTA Records di Travis Barker, noto per essere il talentuoso batterista dei Blink 182 e motivo della controversa svolta "punk" di Machine Gun Kelly.

Se pensate ad una svolta "commerciale" siete totalmente fuori strada sebbene apparentemente il genere degli Ho99o9 non sarebbe poi così "underground". Pensate ad una fusione di idee fra Nine Inch Nails, Atari Teenage Riot, Code Orange, Body Count, Bad Brains, Slipknot (Corey Taylor è ospite in "Bite My Face") e non sarete tanto distanti dalla musica proposta in "Skin". A mettere il sigillo di qualità troviamo anche il mitico Saul Williams, vero anticipatore di accostamenti sonori a cavallo fra black music e industrial.

Nel 1997 si pensava che questa sarebbe stata la musica del futuro, 25 anni dopo il pensiero è sempre lo stesso.

[Dale P.]

Canzoni significative: Lower Than Scum, Battery Not Included.

Questa recensione é stata letta 492 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ho99o9 - SkinHo99o9
Skin
AA.VV. - Spawn - The AlbumAA.VV.
Spawn - The Album