Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Beyond The Lightless Sky - Hull (The End)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Hull - Beyond The Lightless Sky
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Brett Romnes
Genere: metal / progressive / sludge



Il Post-metal e' diventato negli anni quel genere che prende i Mogwai e i loro delay ma che agli arpeggi preferisce riff da headbanging. In realta' il prefisso "post" dovrebbe intendere un intento di scavallare le regole del genere, in particolare la forma canzone.

Reputo quindi una perfetta band post-metal piu' i Rwake che i Pelican, in cui si fa della destrutturazione piuttosto che il lento ripetere degli stessi cliche'. Che potranno anche essere interessanti e coinvolgenti ma suonano troppo conservatori rispetto all'idea che dovrebbe avere il genere.

Hull sono un'interessantissima band di Brooklyn che si perde in lunghe strutture e studia soluzioni mai banali. Come Rwake si muovono all'interno dello sludge, con riff e suoni putrescenti ma oltre ad un'attitudine di impatto hardcore (vicino al black metal in alcune accelerazioni) la band colpisce duro sfiancando l'ascoltatore con riff lenti devoti dei Neurosis di meta' carriera, e certe progressioni artistiche di scuola Baroness.

Se cercate canzoni siete fuori strada, idem se volete un album di facile ascolto. Non un disco da tutti i giorni ma capace di conquistarvi lentamente.

[Dale P.]

Canzoni significative: Earth From Water, Fire Vein

Questa recensione é stata letta 1277 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Meshuggah - Catch 33Meshuggah
Catch 33
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
Intronaut - Null EPIntronaut
Null EP
Sadist - Above The LightSadist
Above The Light
Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Sadist - TribeSadist
Tribe
Dysrhythmia - PretestDysrhythmia
Pretest
Yakuza - Of Seismic ConsequenceYakuza
Of Seismic Consequence
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Buried Inside - ChronoclastBuried Inside
Chronoclast