Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Free - Iggy Pop (Loma Vista)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Iggy Pop - Free
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione:
Genere: rock / pop / post rock
Scheda autore: Iggy Pop



Iggy Pop, tutti lo amano ma pochi hanno i suoi dischi in casa. Simbolo dei sopravvissuti degli anni d'oro del rock assieme a Ozzy e ai Rolling Stones in realtà Iggy è sempre stato un sopravvissuto. Negli esordi selvaggi degli Stooges, nel terzo disco con la band ricostruita, agli esordi da solista acchiappato da David Bowie e portato a Berlino, ai tempi del punk quando era già un dinosauro pur avendo pubblicato solo un paio di dischi. Ogni volta Iggy sembra entrare nel mercato discografico inciampando e crollando di faccia contro qualche oggetto di cristallo ottenendo la classica reazione "ma chi ha invitato sto stronzo?". Anche oggi con "Free" viene da dire "ma chi ti vuole? stai a casa!". Iggy è un portatore di disagio, di malessere, ti sbatte in faccia il degrado molto di più di un Nick Cave. Iggy Pop è il degrado in musica.

"Free" è un album da crooner addormentato. O risvegliato dopo una sbronza epocale. Il sound è rarefatto, sostenuto dal lavoro della chitarrista ambient Sarah Lipstate (aka Noveller) e dal trombettista Leron Thomas, per lo più Iggy non canta, ma incanta con il suo vocione old style, un po' Frank Sinatra, un po' Tom Waits, un po' Nick Cave, un po' Lou Reed. Ovvero Iggy Pop. Qui dentro non c'è rock, a parte qualche piccola disgressione rimembrante il periodo Bowie ("Loves Missing"), solo tanto intimismo "post rock". Se fosse una nuova svolta sarebbe da supportare senza riserve ma siamo sicuri che l'ex Stooges starà già pensando al suo prossimo disco, magari techno. O magari con qualche band rock trendy per ricominciare a rockeggiare fastidiosamente.

[Dale P.]

Canzoni significative: Free, Sonali, Glow In The Dark.


Questa recensione é stata letta 117 volte!
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Iggy Pop - BeatIggy Pop
Beat'em Up

tAXI dRIVER consiglia

Velvet Underground - Velvet Underground & NicoVelvet Underground
Velvet Underground & Nico
Massimo Bubola - Niente Passa InvanoMassimo Bubola
Niente Passa Invano
Lou Reed - BerlinLou Reed
Berlin
Mc5 - Kick Out The JamsMc5
Kick Out The Jams
PGR - Per Grazia RicevutaPGR
Per Grazia Ricevuta
Cesare Basile - Gran Cavalera ElettricaCesare Basile
Gran Cavalera Elettrica
Nick Cave - No More Shall We PartNick Cave
No More Shall We Part
Neil Young - WeldNeil Young
Weld
Jeff Buckley - Live AlJeff Buckley
Live Al'Olympia
Velvet Underground - The Velvet UndergroundVelvet Underground
The Velvet Underground