Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Free - Iggy Pop (Loma Vista)

Ultime recensioni

Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I
Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal

Iggy Pop - Free
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione:
Genere: rock / pop / post rock
Scheda autore: Iggy Pop



Iggy Pop, tutti lo amano ma pochi hanno i suoi dischi in casa. Simbolo dei sopravvissuti degli anni d'oro del rock assieme a Ozzy e ai Rolling Stones in realtà Iggy è sempre stato un sopravvissuto. Negli esordi selvaggi degli Stooges, nel terzo disco con la band ricostruita, agli esordi da solista acchiappato da David Bowie e portato a Berlino, ai tempi del punk quando era già un dinosauro pur avendo pubblicato solo un paio di dischi. Ogni volta Iggy sembra entrare nel mercato discografico inciampando e crollando di faccia contro qualche oggetto di cristallo ottenendo la classica reazione "ma chi ha invitato sto stronzo?". Anche oggi con "Free" viene da dire "ma chi ti vuole? stai a casa!". Iggy è un portatore di disagio, di malessere, ti sbatte in faccia il degrado molto di più di un Nick Cave. Iggy Pop è il degrado in musica.

"Free" è un album da crooner addormentato. O risvegliato dopo una sbronza epocale. Il sound è rarefatto, sostenuto dal lavoro della chitarrista ambient Sarah Lipstate (aka Noveller) e dal trombettista Leron Thomas, per lo più Iggy non canta, ma incanta con il suo vocione old style, un po' Frank Sinatra, un po' Tom Waits, un po' Nick Cave, un po' Lou Reed. Ovvero Iggy Pop. Qui dentro non c'è rock, a parte qualche piccola disgressione rimembrante il periodo Bowie ("Loves Missing"), solo tanto intimismo "post rock". Se fosse una nuova svolta sarebbe da supportare senza riserve ma siamo sicuri che l'ex Stooges starà già pensando al suo prossimo disco, magari techno. O magari con qualche band rock trendy per ricominciare a rockeggiare fastidiosamente.

[Dale P.]

Canzoni significative: Free, Sonali, Glow In The Dark.


Questa recensione é stata letta 144 volte!
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Iggy Pop - BeatIggy Pop
Beat'em Up

tAXI dRIVER consiglia

Pearl Jam - Riot ActPearl Jam
Riot Act
Nick Cave - No More Shall We PartNick Cave
No More Shall We Part
Massimo Bubola - Niente Passa InvanoMassimo Bubola
Niente Passa Invano
Nick Cave - Let Love InNick Cave
Let Love In
Joe Strummer - StreetcoreJoe Strummer
Streetcore
Nick Cave - HenryNick Cave
Henry's Dream
Nick Cave - Murder BalladsNick Cave
Murder Ballads
Oasis - Don t Believe The TruthOasis
Don t Believe The Truth
24 Grana - Underpop24 Grana
Underpop
Cesare Basile - Gran Cavalera ElettricaCesare Basile
Gran Cavalera Elettrica