Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

June - If You Speak Any Faster (Victory)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

June - If You Speak Any Faster
Titolo: If You Speak Any Faster
Etichetta: Victory
Anno: 2005
Produzione:
Genere: punk / emo / pop

Voto:



Cosa vi rocorda la copertina di questo cd? Forse vagamente l'album "Music from the Elder" dei Kiss? Beh, direi che il primo impatto è questo,ecco come la band di Chicago vuole attirare l'attenzione del pubblico,far cadere l'occhio sul cd e sentir dire "ma guarda un po'...chissà come sono questi June...". I June non sono altro che un nuovo parto della Victory Records, dove si rispecchiano chiaramente idee e melodie sulla scia di gruppi come Alkaline Trio, Saves the day, Styx, Taking Back Sunday, The Get Up Kids e numerosi altri.

Canzoni tecnicamente impeccabili, un mix di emo, pop-punk allegro e perfetto per la colonna sonora di qualche telefilm stile O.C. Già da "Speak Up", brano di apertura, si inquadra perfettamente l'album che non vanta certo di particolare originalità, e non permette alla band di essere posta sotto una luce più potente rispetto a centinaia di gruppi dello stesso filone. Ottima però la registrazione e l'efficienza sonora, resa possibile dalla produzione di Brian McTernan, la cui bravura è una solida sicurezza dati i tracorsi lavori con Thrice, Hot Water Music e Cave In.

Si tratta quindi di un bel lavoro, un album fresco, con voci melodiche e prive di screaming, chitarre con buone ritmiche e a volte geniali stoppati, peccato per la presenza di pianole nella track "My side of the story", non a caso la meno riuscita e più insignificante dell'album.

Direi nient'altro da aggiungere, chi ama il genere certamente gradirà uno o più ascolti, ma ripeterà tra sè e sè "un gruppetto come tanti altri..."

[Gio]

Canzoni significative: Speak Up, You Had It Coming, I've Got The Time If You Have The Argument.


Questa recensione é stata letta 2057 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Jimmy Eat World - Bleed AmericanJimmy Eat World
Bleed American
Onelinedrawing - VisitorOnelinedrawing
Visitor
Rival Schools - United By FateRival Schools
United By Fate