Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Chaos Is My Name - Khlyst (Hydra Head)

Ultime recensioni

Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene
Coilguns - WatchwindersCoilguns
Watchwinders
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
The Austerity Program - Bible Songs 1The Austerity Program
Bible Songs 1

Khlyst - Chaos Is My Name
Voto:
Etichetta: Hydra Head
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / drone / doom



Appena si apre questo disco, vieni catapultato in un mare di nero che fa davvero paura, ma non è così banale come potreste pensare, nonostante la lezione dei dron(m)edari moderni (Sunn O))), Khanate) rimanga imprescindibile anche per Khlyst, e sorvolando sul fatto che qui dentro ci suonino l'ex Thorr's Hammer Runhild Gammelsæter e James Plotkin, ovvero due che di rumore nero se ne intendono. Quello che ne viene fuori è l'album che Keiji Haino avrebbe scritto se fosse nato in Norvegia e avesse deciso di suonare Black Metal. Otto tracce in cui uno improvvisa con in mente una cattiveria tarata con l'istinto, e rimaneggiate dalla lucida follia del signor Plotkin, il quale non tradisce la tradizione di quello che furono i vari Old/Phantomsmasher/Khanate, tirandone fuori un suono ambientale/rumorista che se non è perfettamente a fuoco, poco ci manca. Come se giocare a ping pong tra l'America e il nord Europa fosse la cosa più naturale del mondo. Qualcuno potrebbe lamentare il fatto che si tratti di un semplice divertissement e che di dischi così ce ne siano già a bizzeffe. È vero, ma se gli esercizi di stile fossero tutti come questo, non esisterebbero dischi brutti. Ciò non toglie, che è veramente difficile colmare l'incolmabile lasciato dai Khanate.

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 3692 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Sunn O))) - White 2Sunn O)))
White 2
Sunn O))) - 00 VoidSunn O)))
00 Void
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two
ASVA - What You DonASVA
What You Don't Know Is Frontier
Sunn O))) - & Boris - AltarSunn O)))
& Boris - Altar
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
Boris - AbsolutegoBoris
Absolutego
Lustmord - Songs Of Gods And DemonsLustmord
Songs Of Gods And Demons
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Mount Fuji Doomjazz Corporation - AnthropomorphicMount Fuji Doomjazz Corporation
Anthropomorphic