Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Khlyst - Chaos Is My Name (Hydra Head)

Ultime recensioni

Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru

Khlyst - Chaos Is My Name
Titolo: Chaos Is My Name
Etichetta: Hydra Head
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / drone / doom

Voto:



Appena si apre questo disco, vieni catapultato in un mare di nero che fa davvero paura, ma non è così banale come potreste pensare, nonostante la lezione dei dron(m)edari moderni (Sunn O))), Khanate) rimanga imprescindibile anche per Khlyst, e sorvolando sul fatto che qui dentro ci suonino l'ex Thorr's Hammer Runhild Gammelsæter e James Plotkin, ovvero due che di rumore nero se ne intendono. Quello che ne viene fuori è l'album che Keiji Haino avrebbe scritto se fosse nato in Norvegia e avesse deciso di suonare Black Metal. Otto tracce in cui uno improvvisa con in mente una cattiveria tarata con l'istinto, e rimaneggiate dalla lucida follia del signor Plotkin, il quale non tradisce la tradizione di quello che furono i vari Old/Phantomsmasher/Khanate, tirandone fuori un suono ambientale/rumorista che se non è perfettamente a fuoco, poco ci manca. Come se giocare a ping pong tra l'America e il nord Europa fosse la cosa più naturale del mondo. Qualcuno potrebbe lamentare il fatto che si tratti di un semplice divertissement e che di dischi così ce ne siano già a bizzeffe. È vero, ma se gli esercizi di stile fossero tutti come questo, non esisterebbero dischi brutti. Ciò non toglie, che è veramente difficile colmare l'incolmabile lasciato dai Khanate.

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 3923 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Lustmord - OtherLustmord
Other
Mamiffer - Mare DecendriiMamiffer
Mare Decendrii
Khanate - Capture & ReleaseKhanate
Capture & Release
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
ASVA - What You DonASVA
What You Don't Know Is Frontier
Earth - Hex Or Printing In The Infernal MethodEarth
Hex Or Printing In The Infernal Method
Mizmor - & Andrew Black - DialethiaMizmor
& Andrew Black - Dialethia
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers