Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Khlyst - Chaos Is My Name (Hydra Head)

Ultime recensioni

Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time

Khlyst - Chaos Is My Name
Titolo: Chaos Is My Name
Etichetta: Hydra Head
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / drone / doom

Voto:



Appena si apre questo disco, vieni catapultato in un mare di nero che fa davvero paura, ma non cos banale come potreste pensare, nonostante la lezione dei dron(m)edari moderni (Sunn O))), Khanate) rimanga imprescindibile anche per Khlyst, e sorvolando sul fatto che qui dentro ci suonino l'ex Thorr's Hammer Runhild Gammelster e James Plotkin, ovvero due che di rumore nero se ne intendono. Quello che ne viene fuori l'album che Keiji Haino avrebbe scritto se fosse nato in Norvegia e avesse deciso di suonare Black Metal. Otto tracce in cui uno improvvisa con in mente una cattiveria tarata con l'istinto, e rimaneggiate dalla lucida follia del signor Plotkin, il quale non tradisce la tradizione di quello che furono i vari Old/Phantomsmasher/Khanate, tirandone fuori un suono ambientale/rumorista che se non perfettamente a fuoco, poco ci manca. Come se giocare a ping pong tra l'America e il nord Europa fosse la cosa pi naturale del mondo. Qualcuno potrebbe lamentare il fatto che si tratti di un semplice divertissement e che di dischi cos ce ne siano gi a bizzeffe. vero, ma se gli esercizi di stile fossero tutti come questo, non esisterebbero dischi brutti. Ci non toglie, che veramente difficile colmare l'incolmabile lasciato dai Khanate.

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione stata letta 3953 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Earth - Living In The Gleam Of An Unsheathed SwordEarth
Living In The Gleam Of An Unsheathed Sword
Boris - NOBoris
NO
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Lustmord - Songs Of Gods And DemonsLustmord
Songs Of Gods And Demons
Earth - Hex Or Printing In The Infernal MethodEarth
Hex Or Printing In The Infernal Method
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
Mizmor - & Andrew Black - DialethiaMizmor
& Andrew Black - Dialethia