Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Khlyst - Chaos Is My Name (Hydra Head)

Ultime recensioni

Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace

Khlyst - Chaos Is My Name
Titolo: Chaos Is My Name
Etichetta: Hydra Head
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / drone / doom

Voto:



Appena si apre questo disco, vieni catapultato in un mare di nero che fa davvero paura, ma non è così banale come potreste pensare, nonostante la lezione dei dron(m)edari moderni (Sunn O))), Khanate) rimanga imprescindibile anche per Khlyst, e sorvolando sul fatto che qui dentro ci suonino l'ex Thorr's Hammer Runhild Gammelsæter e James Plotkin, ovvero due che di rumore nero se ne intendono. Quello che ne viene fuori è l'album che Keiji Haino avrebbe scritto se fosse nato in Norvegia e avesse deciso di suonare Black Metal. Otto tracce in cui uno improvvisa con in mente una cattiveria tarata con l'istinto, e rimaneggiate dalla lucida follia del signor Plotkin, il quale non tradisce la tradizione di quello che furono i vari Old/Phantomsmasher/Khanate, tirandone fuori un suono ambientale/rumorista che se non è perfettamente a fuoco, poco ci manca. Come se giocare a ping pong tra l'America e il nord Europa fosse la cosa più naturale del mondo. Qualcuno potrebbe lamentare il fatto che si tratti di un semplice divertissement e che di dischi così ce ne siano già a bizzeffe. È vero, ma se gli esercizi di stile fossero tutti come questo, non esisterebbero dischi brutti. Ciò non toglie, che è veramente difficile colmare l'incolmabile lasciato dai Khanate.

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 4067 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Alexander Tucker - DorwytchAlexander Tucker
Dorwytch
Lustmord - Songs Of Gods And DemonsLustmord
Songs Of Gods And Demons
Boris - FloodBoris
Flood
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Khlyst - Chaos Is My NameKhlyst
Chaos Is My Name
Earth - Hex Or Printing In The Infernal MethodEarth
Hex Or Printing In The Infernal Method
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Sunn O))) - 00 VoidSunn O)))
00 Void
Imbogodom - The Metallic YearImbogodom
The Metallic Year