´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Icon - Lento (Denovali)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Lento - Icon
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Denovali
Anno: 2011
Produzione:
Genere: metal / post-metal / sludge
Scheda autore: Lento



Attesissimo secondo disco per i romani Lento. Dopo aver attirato attenzione su di se grazie all'esordio Earthen ed essere passati dalla prestigiosa Supernatural Cat alla tedesca Denovali, i riflettori del pubblico post-metal sono tutti puntati su di loro. In un genere che sta lentamente lasciando il posto allo sludge, al doom, al black metal e al drone (ovvero sta tornando alle origini) i Lento hanno sempre fatto la figura della tribute band. Pelican e Isis e una spruzzata di SunnO))). Contando che i Pelican non azzeccano un disco da anni e gli Isis hanno preferito sciogliersi piuttosto che fare brutte figure, i romani hanno guadagnato posizioni in un campionato che vede poca gente metterci la faccia.

Ecco perche' il disco suona vecchio. Ma non solo: contiamo tre bei riff intervallati da un po' di chaos. I tre riff sono i classici scuoti testa che funzionano dal vivo ma che danno la stessa idea che davano i riff numetal dieci anni fa. Ovvero ignoranza. Tipo i fuochi d'artificio in un concerto dei Limp Bizkit. Hymen in questo senso e' il pezzo migliore: andamento oscillante, break (break?????), dissonanzine, riffone ribasso quadrato. Still ne e' la prosecuzione. "Throne" prova a preparare la botta di "Least" ma a questo punto ci accorgiamo che anche i suoni sono sbagliati: le chitarre troppo in primo piano rendono l'atmosfera piatta e invece che colpire si perdono in un mare di confusione.

Infine il minutaggio veramente breve fa balenare l'idea che la band non avesse molto da dire. A questo punto era meglio tagliare qualcosina e fare un buon EP. Un disco come questo puo' entusiasmare i fan piu' giovani del genere ma annoia tutti gli altri. Peccato. Perche' in un campionato senza teste di serie si doveva puntare alla Champions non alla salvezza..

[Dale P.]

Canzoni significative: Then, Hymen

Questa recensione Ú stata letta 2400 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


01/09/2011 Tour Europeo e Date Italiane
11/03/2011 Nuovo Album In Download
02/02/2011 Due Nuovi Brani da Icon
03/12/2010 Firmano Per La Denovali

tAXI dRIVER consiglia

Isis - PanopticonIsis
Panopticon
Jesu - JesuJesu
Jesu
Mare - Mare EPMare
Mare EP
Ocean, The - PrecambrianOcean, The
Precambrian
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Dyskinesia - Dalla NascitaDyskinesia
Dalla Nascita
Battle Of Mice - A Day Of NightsBattle Of Mice
A Day Of Nights
Neurosis - A Sun That Never SetsNeurosis
A Sun That Never Sets
Pelican - The Fire In Our Throats Wil Beckon The ThawPelican
The Fire In Our Throats Wil Beckon The Thaw
Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird