Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Power Hor - Lesbian (Holy Mountain)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Lesbian - Power Hor
Voto:
Anno: 2007
Produzione: Randall Dunn
Genere: metal / sludge / stoner
Scheda autore: Lesbian



Siamo senza dubbio di fronte ad uno dei gruppi più interessanti venuti allo scoperto in questo primo scorcio di 2007. I Lesbian da Seattle giungono all'esordio su lunga distanza licenziando “Power Hor” per Holy Mountain, etichetta attualmente al centro dell'attenzione di non pochi tra pubblico ed addetti ai lavori.

Difficile classificarli se non per mezzo del termine “progressive”, nonostante i puritani avranno non poco da obiettare a riguardo, ma è sotto gli occhi di tutti come tale nomenclatura stia assumendo nuovi tratti somatici negli ultimi tempi. Nei momenti più feroci la band si avvicina alle latitudini del black metal e del death, non disdegnando affatto improvvise accelerazioni con blast-beats caotici ed infernali. Anche l'approccio vocale, nelle sue esigue apparizioni, ha chiari riferimenti ad uno screaming tipicamente nord-europeo. I Lesbian, lungi però dal mantenersi costantemente tangenti alla furia senza compromessi del metallo estremo, ampliano le soluzioni attraverso tessiture psichedeliche che si abbeverano tanto al post-rock quanto a contemplative nebbie che sanno anche di ambient. In diversi momenti mi hanno ricordato non poco i Conifer, misconosciuta band di Portland (che vi consiglio di tenere sott'occhio, tra l'altro) stilisticamente affine ai Nostri: le due band si spartiranno il palco in autunno.

Alcune sezioni rimandano alle cadenzate andature tipiche dello stoner/doom, complici anche riff squadrati dalla ritmica tarda (tutta la coda finale di "Powerwhorses") mentre la concatenazione di diverse strutture conferisce alle quattro composizioni ivi presenti i connotati della suite, arrivando a toccare durate ragguardevoli (parlano chiaro gli oltre sedici minuti di "Powerwhorses" ed i quasi venticinque di "Loadbath").

Eterogenei ma non per questo slacciati o incoerenti, i Lesbian dimostrano molto del loro valore. Diciamo molto e non tutto perché i margini di miglioramento sono parecchio ampi e solo il tempo ci dirà se le promesse saranno mantenute a dovere. Nel frattempo, ce li godiamo con piacere.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Black Forest, Loadbath.


Questa recensione é stata letta 3366 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Lesbian - Stratospheria CubensisLesbian
Stratospheria Cubensis

tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Neurot Recordings IAA.VV.
Neurot Recordings I
Keelhaul - Triumphant Return To ObscurityKeelhaul
Triumphant Return To Obscurity
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Floor - DoveFloor
Dove
Unearthly Trance - The TridentUnearthly Trance
The Trident
Lair Of The Minotaur - War Metal Battle MasterLair Of The Minotaur
War Metal Battle Master
Kylesa - Static TensionKylesa
Static Tension
Torche - AdmissionTorche
Admission
Gersch, The - The GerschGersch, The
The Gersch
Superjoint Ritual - Use Once & DestroySuperjoint Ritual
Use Once & Destroy