Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Mare Decendrii - Mamiffer (Conspiracy)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Mamiffer - Mare Decendrii
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Mell Dettmer
Genere: metal / drone / ambient
Scheda autore: Mamiffer



Magia, questo dischetto e' pura magia auditiva, e potrei anche concluderla qui, questa recensione, ma mi tocca spiegare anche il perche'.

Il nome che sta dietro a questi Mamiffer e' tale Faith Coloccia, che strimpella in maniera sublime pianoforte, sintetizzatori e sample vari, nonche' voce e qualche sparuta percussione qua e la'. Prima di tale progetto, conosciuto qualche anno addietro, con l'uscita di quell'altro meraviglioso parto anche se un po' acerbo "Hirror Enniffer", non avevo mai sentito nominarla, ma quel cd usci' per Hydrahead rec (casa discografica di tutto rispetto per quanto riguarda il materiale piu' sperimentale che la musica odierna ci propone) e decisi di dare un'ascoltata; fu cosi' che l'amore prese piede.

Cosa propone la ragazza in questo progetto e' presto detto: post rock, pianistico, elettronico, emozionale, psichedelico, penetrante fino agli anfratti piu' profondi dell'anima. A distanza di 3 anni dal precedente lavoro, coadiuvata da nomi di tutto rispetto nel campo post e affini: tali Aaron Turner (voce, chitarra e mente dei compianti Isis) ed Eyvind Kang (violinista prodigio che nel campo dell'avanguardia e' nome di tutto rispetto avendo collaborato con nomi del calibro di Mike Patton, Sunn 0))), Beck, John Zorn e chi piu' ne ha piu' ne metta), innalza un'impalcatura sonora a dir poco entusiasmante, con un piano sempre in primo piano, elementi presi in prestito dall'avanguardia classica, dall'elettronica, persino dal prog e dal jazz, dalla musica spirituale e quasi tibetana (stupenda quella voce che al 15esimo minuto della seconda mastodontica traccia rizza d'emozione la carne). Avanguardia post rock, ecco come puo' essere etichettato il tutto; si fa carico di stasi piene di pathos, per poi costruire pian piano melodie pungenti ed emozionanti, come solo i migliori Godspeed You Black Emperor sapevano fare, dal nulla, dalla stasi all'ascensione spirituale e sovraccarica, dove vanno ad intersecarsi squarci di viola, violini, pianoforte, voci effettate, vocalizzi spirituali atte a seppellire per poi innalzare a miglior condizione l'anima di chi e' in ascolto.

Rispetto al lavoro precedente il minutaggio complessivo e' ampliato a dismisura, presentando brani che oltrepassano persino la soglia dei 20 minuti (la bellissima e cinematografica "we speak in the dark" che in tutta la sua maestosa durata presenta tutta l'essenza magica di questo progetto), ma anche il songwriter ne giova parecchio, tralasciando alcune ingenuita' troppo accentuate nel lavoro precedente per lasciar spazio ad una maturita' stilistica e ad una personalita' d'intenti e di fatti veramente spiazzante.

Dalla prima all'ultima nota quest'ora di Musica con la m maiuscola emoziona, senza far sentire nemmeno un passaggio a vuoto, niente di niente, bisogna soltanto lasciarsi andare, perche' e' tra queste lande che si sente quel tepore che ormai la musica tralascia troppo facilmente, quell'emozione, quella sincerita': e' tra questi solchi che si capisce ed intuisce che la musica non potra' morire mai se esisteranno degli artisti cosi' arditi, geniali e profondi.

Dicevo magia, e lo ripeto, ora chiudo qui, il cd e' finito, ritorno accapo, premo play e mi faccio rapire nuovamente, non ne usciro' piu', me lo sento, e son felice cosi'.

Meravigliosi!

[Lucio Leonardi]

Canzoni significative: As Freedom Rings, Eating Our Bodies, We Speak In The Dark.

Questa recensione é stata letta 2294 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dark Buddha Rising - MathreyataDark Buddha Rising
Mathreyata
Boris - NOBoris
NO
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
Earth - Living In The Gleam Of An Unsheathed SwordEarth
Living In The Gleam Of An Unsheathed Sword
Alexander Tucker - DorwytchAlexander Tucker
Dorwytch
Sunn O))) - & Boris - AltarSunn O)))
& Boris - Altar
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Lustmord - OtherLustmord
Other
Mizmor - & Andrew Black - DialethiaMizmor
& Andrew Black - Dialethia