Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Mare Decendrii - Mamiffer (Conspiracy)

Ultime recensioni

Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene
Coilguns - WatchwindersCoilguns
Watchwinders
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
The Austerity Program - Bible Songs 1The Austerity Program
Bible Songs 1

Mamiffer - Mare Decendrii
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Mell Dettmer
Genere: metal / drone / ambient
Scheda autore: Mamiffer



Magia, questo dischetto e' pura magia auditiva, e potrei anche concluderla qui, questa recensione, ma mi tocca spiegare anche il perche'.

Il nome che sta dietro a questi Mamiffer e' tale Faith Coloccia, che strimpella in maniera sublime pianoforte, sintetizzatori e sample vari, nonche' voce e qualche sparuta percussione qua e la'. Prima di tale progetto, conosciuto qualche anno addietro, con l'uscita di quell'altro meraviglioso parto anche se un po' acerbo "Hirror Enniffer", non avevo mai sentito nominarla, ma quel cd usci' per Hydrahead rec (casa discografica di tutto rispetto per quanto riguarda il materiale piu' sperimentale che la musica odierna ci propone) e decisi di dare un'ascoltata; fu cosi' che l'amore prese piede.

Cosa propone la ragazza in questo progetto e' presto detto: post rock, pianistico, elettronico, emozionale, psichedelico, penetrante fino agli anfratti piu' profondi dell'anima. A distanza di 3 anni dal precedente lavoro, coadiuvata da nomi di tutto rispetto nel campo post e affini: tali Aaron Turner (voce, chitarra e mente dei compianti Isis) ed Eyvind Kang (violinista prodigio che nel campo dell'avanguardia e' nome di tutto rispetto avendo collaborato con nomi del calibro di Mike Patton, Sunn 0))), Beck, John Zorn e chi piu' ne ha piu' ne metta), innalza un'impalcatura sonora a dir poco entusiasmante, con un piano sempre in primo piano, elementi presi in prestito dall'avanguardia classica, dall'elettronica, persino dal prog e dal jazz, dalla musica spirituale e quasi tibetana (stupenda quella voce che al 15esimo minuto della seconda mastodontica traccia rizza d'emozione la carne). Avanguardia post rock, ecco come puo' essere etichettato il tutto; si fa carico di stasi piene di pathos, per poi costruire pian piano melodie pungenti ed emozionanti, come solo i migliori Godspeed You Black Emperor sapevano fare, dal nulla, dalla stasi all'ascensione spirituale e sovraccarica, dove vanno ad intersecarsi squarci di viola, violini, pianoforte, voci effettate, vocalizzi spirituali atte a seppellire per poi innalzare a miglior condizione l'anima di chi e' in ascolto.

Rispetto al lavoro precedente il minutaggio complessivo e' ampliato a dismisura, presentando brani che oltrepassano persino la soglia dei 20 minuti (la bellissima e cinematografica "we speak in the dark" che in tutta la sua maestosa durata presenta tutta l'essenza magica di questo progetto), ma anche il songwriter ne giova parecchio, tralasciando alcune ingenuita' troppo accentuate nel lavoro precedente per lasciar spazio ad una maturita' stilistica e ad una personalita' d'intenti e di fatti veramente spiazzante.

Dalla prima all'ultima nota quest'ora di Musica con la m maiuscola emoziona, senza far sentire nemmeno un passaggio a vuoto, niente di niente, bisogna soltanto lasciarsi andare, perche' e' tra queste lande che si sente quel tepore che ormai la musica tralascia troppo facilmente, quell'emozione, quella sincerita': e' tra questi solchi che si capisce ed intuisce che la musica non potra' morire mai se esisteranno degli artisti cosi' arditi, geniali e profondi.

Dicevo magia, e lo ripeto, ora chiudo qui, il cd e' finito, ritorno accapo, premo play e mi faccio rapire nuovamente, non ne usciro' piu', me lo sento, e son felice cosi'.

Meravigliosi!

[Lucio Leonardi]

Canzoni significative: As Freedom Rings, Eating Our Bodies, We Speak In The Dark.

Questa recensione Ú stata letta 2207 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Earth - Living In The Gleam Of An Unsheathed SwordEarth
Living In The Gleam Of An Unsheathed Sword
Alexander Tucker - DorwytchAlexander Tucker
Dorwytch
Sunn O))) - 00 VoidSunn O)))
00 Void
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Earth - Earth 2Earth
Earth 2
Sunn O))) - Life MetalSunn O)))
Life Metal
Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull
Sunn O))) - Flight Of The BehemotSunn O)))
Flight Of The Behemot
Lustmord - OtherLustmord
Other