´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Mamiffer - Mare Decendrii (Conspiracy)

Ultime recensioni

Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh

Mamiffer - Mare Decendrii
Autore: Mamiffer
Titolo: Mare Decendrii
Anno: 2011
Produzione: Mell Dettmer
Genere: metal / drone / ambient

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Magia, questo dischetto e' pura magia auditiva, e potrei anche concluderla qui, questa recensione, ma mi tocca spiegare anche il perche'.

Il nome che sta dietro a questi Mamiffer e' tale Faith Coloccia, che strimpella in maniera sublime pianoforte, sintetizzatori e sample vari, nonche' voce e qualche sparuta percussione qua e la'. Prima di tale progetto, conosciuto qualche anno addietro, con l'uscita di quell'altro meraviglioso parto anche se un po' acerbo "Hirror Enniffer", non avevo mai sentito nominarla, ma quel cd usci' per Hydrahead rec (casa discografica di tutto rispetto per quanto riguarda il materiale piu' sperimentale che la musica odierna ci propone) e decisi di dare un'ascoltata; fu cosi' che l'amore prese piede.

Cosa propone la ragazza in questo progetto e' presto detto: post rock, pianistico, elettronico, emozionale, psichedelico, penetrante fino agli anfratti piu' profondi dell'anima. A distanza di 3 anni dal precedente lavoro, coadiuvata da nomi di tutto rispetto nel campo post e affini: tali Aaron Turner (voce, chitarra e mente dei compianti Isis) ed Eyvind Kang (violinista prodigio che nel campo dell'avanguardia e' nome di tutto rispetto avendo collaborato con nomi del calibro di Mike Patton, Sunn 0))), Beck, John Zorn e chi piu' ne ha piu' ne metta), innalza un'impalcatura sonora a dir poco entusiasmante, con un piano sempre in primo piano, elementi presi in prestito dall'avanguardia classica, dall'elettronica, persino dal prog e dal jazz, dalla musica spirituale e quasi tibetana (stupenda quella voce che al 15esimo minuto della seconda mastodontica traccia rizza d'emozione la carne). Avanguardia post rock, ecco come puo' essere etichettato il tutto; si fa carico di stasi piene di pathos, per poi costruire pian piano melodie pungenti ed emozionanti, come solo i migliori Godspeed You Black Emperor sapevano fare, dal nulla, dalla stasi all'ascensione spirituale e sovraccarica, dove vanno ad intersecarsi squarci di viola, violini, pianoforte, voci effettate, vocalizzi spirituali atte a seppellire per poi innalzare a miglior condizione l'anima di chi e' in ascolto.

Rispetto al lavoro precedente il minutaggio complessivo e' ampliato a dismisura, presentando brani che oltrepassano persino la soglia dei 20 minuti (la bellissima e cinematografica "we speak in the dark" che in tutta la sua maestosa durata presenta tutta l'essenza magica di questo progetto), ma anche il songwriter ne giova parecchio, tralasciando alcune ingenuita' troppo accentuate nel lavoro precedente per lasciar spazio ad una maturita' stilistica e ad una personalita' d'intenti e di fatti veramente spiazzante.

Dalla prima all'ultima nota quest'ora di Musica con la m maiuscola emoziona, senza far sentire nemmeno un passaggio a vuoto, niente di niente, bisogna soltanto lasciarsi andare, perche' e' tra queste lande che si sente quel tepore che ormai la musica tralascia troppo facilmente, quell'emozione, quella sincerita': e' tra questi solchi che si capisce ed intuisce che la musica non potra' morire mai se esisteranno degli artisti cosi' arditi, geniali e profondi.

Dicevo magia, e lo ripeto, ora chiudo qui, il cd e' finito, ritorno accapo, premo play e mi faccio rapire nuovamente, non ne usciro' piu', me lo sento, e son felice cosi'.

Meravigliosi!

[Lucio Leonardi]

Canzoni significative: As Freedom Rings, Eating Our Bodies, We Speak In The Dark.

Questa recensione Ú stata letta 2435 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Sunn O))) - Flight Of The BehemotSunn O)))
Flight Of The Behemot
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Khlyst - Chaos Is My NameKhlyst
Chaos Is My Name
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
Earth - Hex Or Printing In The Infernal MethodEarth
Hex Or Printing In The Infernal Method
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
Alexander Tucker - Third MouthAlexander Tucker
Third Mouth
Sunn O))) - Life MetalSunn O)))
Life Metal