Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Sumac - The Healer (Thrill Jockey)

Ultime recensioni

Sonic Universe - It Is What It IsSonic Universe
It Is What It Is
Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will

Sumac - The Healer
Autore: Sumac
Titolo: The Healer
Etichetta: Thrill Jockey
Anno: 2024
Produzione: Scott Evans
Genere: metal / drone / experimental

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta The Healer





Formati da Aaron Turner (Isis), Brian Cook (Russian Circles) e Nick Yacyshyn (Baptists) i Sumac non hanno mai fatto breccia nel cuore degli appassionati delle tre band principali. Un approccio troppo astratto e faticoso all'ascolto hanno contribuito al progetto di essere rispettato ma non supportato sulla fiducia. Ma zitti zitti i tre hanno plasmato il progetto in una creatura sempre più complessa flirtando con l'avantgarde noise (vedi i dischi con Keiji Haino) e mantenendo la fiducia di una label di qualità come Thrill Jockey. E si può dire chiaramente che "The Healer" è finalmente il disco irrinunciabile che pazientemente aspettavamo dal meraviglioso trio.

Non sono certo le idee a renderlo un lavoro riuscito. Quelle ce le avevano già messe nei precedenti: drone, Swans, Neurosis, free jazz, noise. Finalmente quelle idee, strambe, fastidiose, dissonanti, storte servono ad uno scopo compositivo. Pur rimanendo ai confini con il free form lo sviluppo dei quattro brani (due da 25 minuti e due da quasi 13) è "progressivo" nel senso che ogni parte è un preludio a quella successiva, tendenzialmente più complessa della precedente. Ma non come facevano gli Isis (o i Russian Circles) in cui l'armonia e i riff costruivano qualcosa di complesso ed emozionante. I Sumac preferiscono i droni, i feedback, urla gutturali e una batteria free, in modo non troppo distante dai Khanate. I Khanate però sono decisamente più monotematici mentre i Sumac molto, ma molto, più complessi ed imprevedibili. Turner and co si prendono tutto il tempo che vogliono senza badare troppo a cambiare tono o effetto. Il drone sta bene per 10 minuti? Ok. Serve modularlo? No.

"The Healer" è la montagna sacra del post metal nel 2024.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 128 volte!
Vota Questo Disco:



NEWS


04/04/2024 Nuovo Album A Giugno
04/09/2014 Nuovo Supergruppo Di Aaron Turner

tAXI dRIVER consiglia

Mamiffer - Mare DecendriiMamiffer
Mare Decendrii
Sunn O))) - & Boris - AltarSunn O)))
& Boris - Altar
Khlyst - Chaos Is My NameKhlyst
Chaos Is My Name
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
ASVA - What You DonASVA
What You Don't Know Is Frontier
Sunn O))) - White 2Sunn O)))
White 2
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Mizmor - & Andrew Black - DialethiaMizmor
& Andrew Black - Dialethia
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull