Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

How The World Came To An End - Manes (Candlelight Record)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Manes - How The World Came To An End
Voto:
Anno: 2007
Produzione: elettronica
Genere: metal / alternative /



Banda in perenne evoluzione, i Manes danno vita con “How The World Came To An End” al loro lavoro più ostico ed inintelligibile. Liberatisi totalmente da ogni declinazione che rimandi anche solo minimamente ai paradigmi del rock, la formazione norvegese si chiude in se stessa con atmosfere introspettive che hanno il genoma della trip-hop di Bristol, strizzando l'occhio all'hip-hop con le parti rappate (in francese) di “Come To Pass”, “I Watch You Fall” e “The Cure-All”. La difficoltà di tenere il loro passo è notevole, con solchi disossati, privati di strutture definite, dove le sfumature giocano un ruolo preponderante. Lo si potrebbe vedere sotto una luce tipicamente “soundtrack”, il piglio è pressoché lo stesso, e non è chiusura mentale, stupidità o chissà quale altro difetto insito nell'ascoltatore il fatto che “How The World Came To An End” possa risultare monocorde o un po' fuori fuoco.

C'è un eccesso di pretenziosità, un filo-intellettualismo che potrebbe donargli la parvenza di un nuovo gioiello d'avanguardia, ma è ovvio che così, in realtà, non è. La fruibilità e la vena melodica (che era un punto di forza assoluto degli ultimi due parti del gruppo, il capolavoro “Vilosophe” e l'ep “[view]”) vengono relegati ad un secondo, addirittura anche ad un terzo livello. Ciò che preme maggiormente ai Manes è addensare nubi che tendono ad offuscare uno scenario cupo e continuare un processo di ricerca sonora che, in questa sede, non produce i risultati sperati, non concedendo tra l'altro nessuna chiave di lettura emozionale.

Molte le andature in downtempo, si strizza l'occhio anche alla new-wave in alcuni risvolti timbrici (“Nobody Wants The Truth”), ma l'opera non decolla. Ben poco si lascia ricordare, non si intravedono nemmeno intuizioni geniali e le sole “Deeprooted” e “Transmigrant” sono i frangenti più riusciti e convincenti. Prova altalenante, non del tutto scadente, ma probabilmente figlia di un periodo transitorio. Ovvio che dopo un “Vilosophe” ci si attende molto dai Manes.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Deeprooted, Transmigrant.


Questa recensione é stata letta 3159 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Giant Squid - The IchthyologistGiant Squid
The Ichthyologist
Tool - AenimaTool
Aenima
So I Had To Shoot Him - Alpha Males & Popular GirlsSo I Had To Shoot Him
Alpha Males & Popular Girls
Five Star Prison Cell - Slaves Of VirgoFive Star Prison Cell
Slaves Of Virgo
Melvins - The Bride Screamed MurderMelvins
The Bride Screamed Murder
A Perfect Circle - Thirteen StepA Perfect Circle
Thirteen Step
Klimt 1918 - DopoguerraKlimt 1918
Dopoguerra
Mastodon - RemissionMastodon
Remission
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Fantomas - The DirectorFantomas
The Director's Cut