Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Mantar - Grungetown Hooligans II (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Geese - ProjectorGeese
Projector
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim

Mantar - Grungetown Hooligans II
Autore: Mantar
Titolo: Grungetown Hooligans II
Anno: 2020
Produzione: Hanno Klänhardt
Genere: metal / sludge / grunge

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Mantar è un duo tedesco che si fece notare nel 2014 con il debutto "Death By Burning" uscito per Svart in cui venivano mescolati black metal, sludge, punk, noise rock come una versione più grezza dei Black Cobra.

Dopo due album pubblicati per Nuclear Blast, non proprio l'etichetta giusta per loro, si autoproducono "Grungetown Hooligans II" disco di cover di Babes In Toyland, L7, 7 Year Bitch, Sonic Youth, Jesus Lizard, Mudhoney e Mazzy Star.

Se può sembrare strano che una band con un certo tipo di sound possa approcciarsi seriamente con l'alternative rock anni 90 non dimenticate che grunge, riot grrrls e noise rock hanno una base ruvida, sporca, rumorosa e ulcerosa tanto quanto certo heavy metal, se non di più.

In più i Mantar, subito dopo la guerra fredda, scoprirono e amarono queste band da adolescenti ribelli grazie al loro sound aggressivo e all'attitudine senza compromessi. E' forse vietato amare grunge e black metal?

Finalmente, dopo il pregevole lavoro dei Thou con le cover dei Nirvana, il "grunge sound" viene sviscerato nella sua attitudine più sincera e punk con dei suoni heavy e ribassati. Innanzi tutto stupisce la scelta di parecchie cover di band "riot" come L7, Babes in Toyland e, soprattutto, 7 Year Bitch la cui splendida "Knot" è forse l'apice del disco. Mentre "Puss" dei Jesus Lizard è una scelta abbastanza scontata, "100%" dei Sonic Youth è decisamente eccitante e "Ghost Highway" sorprendente. "Who You Drivin' Now" è un'altra scelta particolare essendo un brano minore dei Mudhoney.

In sintesi se amate queste band e i Mantar (come il sottoscritto) è un acquisto obbligatorio, altrimenti sarebbe meglio rivedere i vostri gusti. Mettetevi la camicia di flanella e godetevi questa bellissima raccolta!

[Dale P.]

Canzoni significative: Knot, 100%, Bruise Violet.

Questa recensione é stata letta 320 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Big Brave - VitalBig Brave
Vital
Gersch, The - The GerschGersch, The
The Gersch
Baroness - Red AlbumBaroness
Red Album
Superjoint Ritual - Use Once & DestroySuperjoint Ritual
Use Once & Destroy
Iceburn - AsclepiusIceburn
Asclepius
Rwake - RestRwake
Rest
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Bongripper - Satan Worshipping DoomBongripper
Satan Worshipping Doom
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point