Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Al Posto Del Fuoco - Meganoidi (Green Fog)

Ultime recensioni

Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies

Meganoidi - Al Posto Del Fuoco
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Green Fog
Anno: 2009
Produzione: Mattia Cominotto
Genere: rock / alternative / post-rock
Scheda autore: Meganoidi



Ridendo e scherzando (ma neanche tanto) i Meganoidi sono più di dieci anni che calcano le scene musicali italiane. In modo trasverale e per molti versi sconsiderato ma pur sempre "artigianale". Ovviamente nel senso migliore del termine: "Al Posto Del Fuoco" è prodotto e registrato da Mattia Cominotto (il chitarrista) presso il Green Fog Studio (lo studio) e pubblicato tramite Green Fog Records (l'etichetta). Come se non ci fosse bisogno di interventi esterni. Come se chiunque possa distrarli dall'obiettivo, spesso folle, di fare un disco "nuovo".

Li abbiamo lasciati con Granvanoeli, solido ma allo stesso tempo fragile disco in sospeso fra post-rock e cantautoriato come in una delirante somma Grails + DeAndrè. E precedentemente ci fu l'EP And Then We Met Impero, un unico flusso sonoro in cui si incrociavano curiosità progressive, anima hardcore, rock obliquo e sperimentalismi assortiti.

Questo riassunto è per chi (molti) è rimasto a Zeta Reticoli. Con buona pace di chi li vuole ancora (e ce n'è) Supereroi.

"Al Posto Del Fuoco" è un disco puramente rock, come non ce ne sono più da tempo, formato da ottime canzoni, orecchiabili ritornelli e stranezze assortite.

Il disco inizia con "Altrove", pestone alternative rock anni 90 con chitarre affilate e un timido bridge con tromba straziante. "Aneta" , il primo singolo, ha un incedere decandente e vagamente industrial a cui fa il paio un ritornello contagioso ma intelligente. "Dighe" è un midtempo capace sia di scuoterti che di cullarti ma ha il ruolo di preannuciare il rallentamento dell'album che avviene con la successiva "Dune", già evocativa di umori spaziali fin dal titolo.

I Bpm si abbassano e si recupera l'oscurità di Granvanoeli. "Scusami Las Vegas" e "Ima Go Go" tornano al rock ma con chitarre arpeggiate e tempo robotrock. "Mia", invece, sembra la risposta briosa a "Zeta Reticoli" e probabilmente è il lasciapassare per la maggiore visibilità.

Si rallenta di nuovo il tempo con "Solo Alla Fine" e si raggiunge l'ultima "canzone" vera e propria del disco: "Your Desire".

L'apice del disco però lo troviamo con gli ultimi due brani: Stormo e la title track. La prima è la più riuscita commistione di post-rock, sludge, post punk (CSI) e forma canzone che abbia mai avuto modo di sentire, come comprimere "And Then We Met Impero" in 4 minuti e 30. "Al Posto Del Fuoco" è un finale esplosivo e destabilizzante come meglio non si poteva chiedere.

Mi rendo conto di essermi dilungato a raccontare per filo e per segno un album che va ascoltato e in cui ognuno di noi troverà qualcosa per cui amarlo.

E' fondamentalmente la summa di tutto quello che i Meganoidi hanno fatto di buono (e infatti non ci sono chitarre in levare) con qualcosa in più. Riusciranno anche stavolta a scontentare e a esaltare, ma la notizia buona è che il viaggio della band prosegue. Chissà se gli ingredienti del sound sono giunti a maturazione e se manca ancora qualcosa... lo vedremo "solo alla fine"...

[Dale P.]

Canzoni significative: Stormo, Dune, Al Posto Del Fuoco.


Questa recensione é stata letta 4044 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Meganoidi - And Then We Met Impero EPMeganoidi
And Then We Met Impero EP
Meganoidi - GranvanoeliMeganoidi
Granvanoeli
Meganoidi - Outside The Loop Stupendo SensationMeganoidi
Outside The Loop Stupendo Sensation

Live Reports

07/06/2003Nizza MonferratoTora Tora! 2003
27/06/2001GenovaGoa Boa 2001
25/06/2004GenovaCaricamento
27/07/2007GenovaGreen Storm Festival 2007

NEWS


22/02/2006 Il Nuovo Album
24/04/2005 Il Nuovo EP!!
08/02/2005 News E Brano Inedito Online

tAXI dRIVER consiglia

Wellwater Conspiracy - The Scroll And Its CombinationsWellwater Conspiracy
The Scroll And Its Combinations
Yeah Yeah Yeahs - Fever To TellYeah Yeah Yeahs
Fever To Tell
Primus - Animals Should Not Try To Act Like PeoplePrimus
Animals Should Not Try To Act Like People
AA.VV. - Vegetable Man Project Vol.2AA.VV.
Vegetable Man Project Vol.2
Andrew WK - I Get WetAndrew WK
I Get Wet
Nine Inch Nails - With TeethNine Inch Nails
With Teeth
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Corin Tucker Band - 1000 YearsCorin Tucker Band
1000 Years
Rollins Band - Get Some Go AgainRollins Band
Get Some Go Again
Dredg - El CieloDredg
El Cielo