Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Monolord - No Comfort (Relapse)

Ultime recensioni

Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis

Monolord - No Comfort
Autore: Monolord
Titolo: No Comfort
Etichetta: Relapse
Anno: 2019
Produzione: Kim Gravander
Genere: metal / doom / sludge

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




I Monolord sono degli allegri cialtroni provenienti dalla Svezia con all'attivo tre dischi per Riding Easy: "Empress Rising", "Vaenir" e "Rust". Dischi che hanno inserito di prepotenza la band fra le migliori formazioni doom sludge mondiali. Suono pachidermico, iperdistorto e ribassato: il trio era in grado di rivaleggiare con formazioni mastodontiche come Slomatics e Conan.

Con "No Comfort" cambiano campionato passando per la semi-major Relapse, casa di pesi massimi come Yob, Bongzilla, Red Fang, Windhand, Iron Monkey, Obsessed, Unearthly Trance, Inter Arma. E se è con loro che i Monolord si devono paragonare, mi dispiace, ma il trio svedese ne esce piuttosto a pezzi.

Certo, i riff monolitici sabbathiani (o "alla Sleep") sono sempre presenti, la pesantezza non è diminuita ma per quanto mi riguarda le band citate sopra rimangono di un altro livello. Per scrittura, originalità e carisma. Tra l'altro la prima facciata non regala granchè di interessante, mentre cambiando lato possiamo ascoltare qualche divagazione più sofisticata e meno legata ai clichè del genere.

Fa onore ai Monolord non aver snaturato la loro natura salendo di categoria ma è lecito chiedere qualcosa di più. Non una commercializzazione del suono, ma magari una ricerca più particolare del riff e del timbro, qui non molto diverso da una band di esordienti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Skywards, Alone Together, No Comfort.


Questa recensione é stata letta 424 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine

tAXI dRIVER consiglia

Sleep - JerusalemSleep
Jerusalem
Mammoth Weed Wizard Bastard - Yn Ol I AnnwnMammoth Weed Wizard Bastard
Yn Ol I Annwn
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
The DevilThe Devil's Blood
The Thousandfold Epicentre
Domkraft - SeedsDomkraft
Seeds
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Salome - TerminalSalome
Terminal
Middian - Age EternalMiddian
Age Eternal