Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

No Comfort - Monolord (Relapse)

Ultime recensioni

Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene

Monolord - No Comfort
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2019
Produzione: Kim Gravander
Genere: metal / doom / sludge
Scheda autore: Monolord



I Monolord sono degli allegri cialtroni provenienti dalla Svezia con all'attivo tre dischi per Riding Easy: "Empress Rising", "Vaenir" e "Rust". Dischi che hanno inserito di prepotenza la band fra le migliori formazioni doom sludge mondiali. Suono pachidermico, iperdistorto e ribassato: il trio era in grado di rivaleggiare con formazioni mastodontiche come Slomatics e Conan.

Con "No Comfort" cambiano campionato passando per la semi-major Relapse, casa di pesi massimi come Yob, Bongzilla, Red Fang, Windhand, Iron Monkey, Obsessed, Unearthly Trance, Inter Arma. E se è con loro che i Monolord si devono paragonare, mi dispiace, ma il trio svedese ne esce piuttosto a pezzi.

Certo, i riff monolitici sabbathiani (o "alla Sleep") sono sempre presenti, la pesantezza non è diminuita ma per quanto mi riguarda le band citate sopra rimangono di un altro livello. Per scrittura, originalità e carisma. Tra l'altro la prima facciata non regala granchè di interessante, mentre cambiando lato possiamo ascoltare qualche divagazione più sofisticata e meno legata ai clichè del genere.

Fa onore ai Monolord non aver snaturato la loro natura salendo di categoria ma è lecito chiedere qualcosa di più. Non una commercializzazione del suono, ma magari una ricerca più particolare del riff e del timbro, qui non molto diverso da una band di esordienti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Skywards, Alone Together, No Comfort.


Questa recensione é stata letta 84 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Jex Thoth - Jex ThothJex Thoth
Jex Thoth
The DevilThe Devil's Blood
The Thousandfold Epicentre
Cough - Ritual AbuseCough
Ritual Abuse
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Middian - Age EternalMiddian
Age Eternal
Obrero - Mortui Vivos DocentObrero
Mortui Vivos Docent
Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Salome - TerminalSalome
Terminal
Yob - AtmaYob
Atma