Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The World Is Yours - Motorhead (EMI)

Ultime recensioni

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio

Motorhead - The World Is Yours
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Cameron Webb
Genere: metal / heavy / rock



Si puo' muovere loro qualsiasi accusa: da un'immobilita' stilistica cronica e calcificata in trentacinque anni di carriera al continuo rimestare su tematiche ai limiti con una riottosa adolescenza, dite tutto quel che volete contro i Motorhead ma saranno solo critiche fini a se stesse. Ian "Lemmy" Kilmister ha sessantacinque anni e continua ad incartare e spedire sulla luna la gran parte dei moccioselli a zonzo per il rockettino tanto sponsorizzato dalle lobby giornalistiche Che Contano.

Da sempre sordi alle sirene delle mode grazie ad un'intransigenza verace che si e' tramutata in stile di vita, oltre che in dogma magistrale per schiere di musicisti, i Motorhead mettono sul piatto il disco Numero Venti uguale ad ogni cosa da loro partorita nel corso di questi tre decenni. Il riffing di Phil Campbell e' la consueta ed irriverente miscela di punk, rock'n'roll e heavy metal che riveste le ritmiche snelle e incalzanti di Mikkey Dee, neanche a dirlo.

Sentire l'energia che trasuda dalle casse al passaggio di "I Know How To Die", "Get Back In Line", "Devils In My Hand" e' una goduria, cosi' come l'assalto punk'n'roll di "I Know What You Need" e il piglio metallico di "Outlaw" e "Born To Lose". "Rock'n'roll music is the true religion" dice Lemmy e come fare a non credergli anche quando la scena e' invasa dall'aspra foschia di "Brotherhood Of Man"? Impossibile immaginarli diversamente, non sarebbero affatto i Motorhead, paladini di una musica, l'Heavy Metal, da tempo incapace di rinnovarsi e costretta a riugiarsi in pochi storici nomi per avere certezze.

Sara' musica per ragazzini mai cresciuti, rock senza fronzoli e un po' ignorante, puo' darsi, ma nulla ci esime dal tributare ode e gloria a chi e' sopravvissuto incolume alle mode e all'erosione del tempo, alla faccia di chi tra un paio d'anni, se non di meno, dovra' trovarsi qualcos'altro con cui riempirsi la bocca e dare un senso alla propria vita, la' dove tirera' il vento.

[Marco Giarratana]


Questa recensione é stata letta 1680 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


10/07/2011 Morto Wurzel
04/07/2005 Lemmy in Ospedale!
14/04/2005 Date Italiane e Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia