Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The World Is Yours - Motorhead (EMI)

Ultime recensioni

Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On
Jadsa - Olho de VidroJadsa
Olho de Vidro

Motorhead - The World Is Yours
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Cameron Webb
Genere: metal / heavy / rock



Si puo' muovere loro qualsiasi accusa: da un'immobilita' stilistica cronica e calcificata in trentacinque anni di carriera al continuo rimestare su tematiche ai limiti con una riottosa adolescenza, dite tutto quel che volete contro i Motorhead ma saranno solo critiche fini a se stesse. Ian "Lemmy" Kilmister ha sessantacinque anni e continua ad incartare e spedire sulla luna la gran parte dei moccioselli a zonzo per il rockettino tanto sponsorizzato dalle lobby giornalistiche Che Contano.

Da sempre sordi alle sirene delle mode grazie ad un'intransigenza verace che si e' tramutata in stile di vita, oltre che in dogma magistrale per schiere di musicisti, i Motorhead mettono sul piatto il disco Numero Venti uguale ad ogni cosa da loro partorita nel corso di questi tre decenni. Il riffing di Phil Campbell e' la consueta ed irriverente miscela di punk, rock'n'roll e heavy metal che riveste le ritmiche snelle e incalzanti di Mikkey Dee, neanche a dirlo.

Sentire l'energia che trasuda dalle casse al passaggio di "I Know How To Die", "Get Back In Line", "Devils In My Hand" e' una goduria, cosi' come l'assalto punk'n'roll di "I Know What You Need" e il piglio metallico di "Outlaw" e "Born To Lose". "Rock'n'roll music is the true religion" dice Lemmy e come fare a non credergli anche quando la scena e' invasa dall'aspra foschia di "Brotherhood Of Man"? Impossibile immaginarli diversamente, non sarebbero affatto i Motorhead, paladini di una musica, l'Heavy Metal, da tempo incapace di rinnovarsi e costretta a riugiarsi in pochi storici nomi per avere certezze.

Sara' musica per ragazzini mai cresciuti, rock senza fronzoli e un po' ignorante, puo' darsi, ma nulla ci esime dal tributare ode e gloria a chi e' sopravvissuto incolume alle mode e all'erosione del tempo, alla faccia di chi tra un paio d'anni, se non di meno, dovra' trovarsi qualcos'altro con cui riempirsi la bocca e dare un senso alla propria vita, la' dove tirera' il vento.

[Marco Giarratana]


Questa recensione é stata letta 1718 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


10/07/2011 Morto Wurzel
04/07/2005 Lemmy in Ospedale!
14/04/2005 Date Italiane e Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia