Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Black Holes And Revelations - Muse (Wea)

Ultime recensioni

Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I
Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal

Muse - Black Holes And Revelations
Voto:
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative /
Scheda autore: Muse



Le temperature di questo nuovo dei Muse sono decisamente più basse rispetto al precedente “Absolution”. Questo è percepibile a cominciare dal primo brano, “Take a bow” (non una cover di Miss Ciccone) una track sulla linea di “Origin of Simmetry” con non pochi riferimenti ai Radiohead.

La fase “sperimentale” della band si limita al falsetto vocale alla Prince del primo singolo “Supermassive Black Hole” e nella DEPECHEMODIANA “Map Of The Problematique”.

La lenta “Soldier's Poem” e la già vissuta “Invincibile” mi fa pensare ad un flop inesorabile, troppi “Black Holes” ma ecco che, proprio alla fine dei tempi regolamentari,(gli echi dei mondiali si avvertono anche qui), l’album inizia a prendere corpo, a crescere.

La svolta la “segna” “Assassin”, la risposta 2006 a “STOCHKOLM SYNDROME”, veemente e incalzante, per poi proseguire con le vere “Revelations”, “Exo-Politics” dove la ritmica rimane impressa più che qualsiasi altro ritornello nell’album e “City Of Delusion”, ricca di affondi vocali davvero notevoli e con un loop che fa da ponte al brano, che pare strappato da “THE FAT OF THE LAND” dei Prodigy.

L’intro di “Hoodoo” ti fa cercare speroni e winchester mentre la conclusiva “Knights Of Cydonia” fa da cornice finale per quello che rimane sostanzialmente un album che alterna buchi neri a rivelazioni.

[Steliam]

Canzoni significative: Assassin, Exo-Politics, City Of Delusion

Questa recensione é stata letta 3824 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Muse - AbsolutionMuse
Absolution

Live Reports

13/06/2004BolognaFlippaut 2004
19/10/2001MilanoPalavobis

NEWS


16/02/2007 All'Arena Di Verona

tAXI dRIVER consiglia

Afghan Whigs - Unbreakable A RetrospectiveAfghan Whigs
Unbreakable A Retrospective
Fiub - Brown StripesFiub
Brown Stripes
Quinto Stato - Quinto StatoQuinto Stato
Quinto Stato
White Stripes - White Blood CellsWhite Stripes
White Blood Cells
The Ringo Jets - The Ringo JetsThe Ringo Jets
The Ringo Jets
White Stripes - Get Behind Me SatanWhite Stripes
Get Behind Me Satan
Yeah Yeah Yeahs - Fever To TellYeah Yeah Yeahs
Fever To Tell
Motorpsycho - TimothyMotorpsycho
Timothy's Monster
 Afterhours
Siam Tre Piccoli Porcellin
LetLet's Get Lost
...I Remember Yesterday When I Was Grey