Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Muse - Black Holes And Revelations (Wea)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Muse - Black Holes And Revelations
Autore: Muse
Titolo: Black Holes And Revelations
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative /

Voto:



Le temperature di questo nuovo dei Muse sono decisamente più basse rispetto al precedente “Absolution”. Questo è percepibile a cominciare dal primo brano, “Take a bow” (non una cover di Miss Ciccone) una track sulla linea di “Origin of Simmetry” con non pochi riferimenti ai Radiohead.

La fase “sperimentale” della band si limita al falsetto vocale alla Prince del primo singolo “Supermassive Black Hole” e nella DEPECHEMODIANA “Map Of The Problematique”.

La lenta “Soldier's Poem” e la già vissuta “Invincibile” mi fa pensare ad un flop inesorabile, troppi “Black Holes” ma ecco che, proprio alla fine dei tempi regolamentari,(gli echi dei mondiali si avvertono anche qui), l’album inizia a prendere corpo, a crescere.

La svolta la “segna” “Assassin”, la risposta 2006 a “STOCHKOLM SYNDROME”, veemente e incalzante, per poi proseguire con le vere “Revelations”, “Exo-Politics” dove la ritmica rimane impressa più che qualsiasi altro ritornello nell’album e “City Of Delusion”, ricca di affondi vocali davvero notevoli e con un loop che fa da ponte al brano, che pare strappato da “THE FAT OF THE LAND” dei Prodigy.

L’intro di “Hoodoo” ti fa cercare speroni e winchester mentre la conclusiva “Knights Of Cydonia” fa da cornice finale per quello che rimane sostanzialmente un album che alterna buchi neri a rivelazioni.

[Steliam]

Canzoni significative: Assassin, Exo-Politics, City Of Delusion

Questa recensione é stata letta 3939 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Muse - AbsolutionMuse
Absolution

Live Reports

13/06/2004BolognaFlippaut 2004
19/10/2001MilanoPalavobis

NEWS


16/02/2007 All'Arena Di Verona

tAXI dRIVER consiglia

Lingua - All My Rivals Are Imaginary GhostLingua
All My Rivals Are Imaginary Ghost
Waax - Big GriefWaax
Big Grief
Fiub - Brown StripesFiub
Brown Stripes
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è
Melvins - TrilogyMelvins
Trilogy
Black Midi - SchlagenheimBlack Midi
Schlagenheim
AA.VV. - Vegetable Man Project Vol.2AA.VV.
Vegetable Man Project Vol.2
Dredg - Catch Without ArmsDredg
Catch Without Arms
Meat Puppets - Golden LiesMeat Puppets
Golden Lies
Motorpsycho - Demon BoxMotorpsycho
Demon Box